Tre onorevoli ex leghisti per presentare a Vittorio Veneto il Grande Nord e il candidato Petterle: "Creiamo uno zoccolo duro".

Alla presentazione del candidato di Grande Nord, il dottor Valerio Petterle, al Bar Ai Portici di Vittorio Veneto, sono intervenuti ben tre onorevoli, i big del partito "Perchè - hanno spiegato - Grande Nord ritiene strategicamente importante la città di Vittorio Veneto anche per il futuro del nostro partito, consapevoli che chi andrà ad amministrare questa città avrà una bella gatta da pelare con i conti comunali , a causa dei derivati lasciati in eredità dall'amministrazione leghista di qualche anno fa. Si riparte per creare un nuovo zoccolo duro di persone che credono nella realizzazione di una macroregione del Nord, i nostri consiglieri e eventuali sindaci lavoreranno per questo".

A spiegare le linee del partito, assolutamente una novità  per la città,  era presente Roberto Bernardelli, ex leghista, presidente e fondatore del partito, Corrado Callegari, segretario Veneto, Davide Boni segretario Lombardia, la responsabile organizzativa federale Monica Rizzi e l'on. Paola Goisis (tutti ex lega Nord), oltre ai due membri del direttivo federale veneto Massimiliano Malaspina e Maria Grazia Mora, che stanno organizzando per Petterle  l'appuntamente elettorale del 26 maggio.

Alcuni dei punti forti del programma presentato ieri a Vittorio Veneto, e già anticipati sono: creazione della città del biodistretto, la creazione di un centro di ricerca oncologico inserito nel progetto Erasmus; inoltre lo sviluppo di un centro di ricerca delle malattie dell'apparato respiratorio, del quale Vittorio Veneto è stato punto di riferimento fino agli anni 70. Quindi anche la, realizzazione di case alloggio protette per gli anziani con recupero del patrimonio edilizio e infine l'inserimento dei giovani veneti di ritorno con fondo di solidarietà, oltre all'incentivazione del turismo di religione e di fede.

(Fonte e foto: Grande Nord).
#Qdpnews.it




0
0
0
s2sdefault

// Storie di Sport