"Il messaggio della 68esima Giornata del ringraziamento è dedicato alla diversità e contro la disuguaglianza. Tema caro a Coldiretti che onora e protegge la biodiversità che rende tanto importante e generoso il made in Italy agroalimentare. In queste ore però la nostra Giornata provinciale ha sposato un altro messaggio che è quello della solidarietà per i territori del nostro Paese colpiti dall’ondata straordinaria di maltempo che nello specifico ha martoriato le vicine montagne del bellunese (nella foto Ansa la diga di Comelico dopo il nubifragio)  e con esse le aziende agricole presenti. Aziende che portano con sé un valore aggiunto di essere gestite da uomini e donne che se tolte da quel contesto andrebbero a costituire un ulteriore danno mortale per l’ambiente circostante. La nostra Giornata del Ringraziamento sarà dedicata a questi amici e colleghi a cui non mancherà il nostro supporto concreto attraverso un conto corrente dedicato o un altro sistema di aiuto".

La riflessione è del presidente di Coldiretti Treviso, Giorgio Polegato, che si prepara per domenica prossima, 11 novembre 2018, ad onorare la 68esima Giornata del ringraziamento di Coldiretti Treviso che cade proprio nel giorno di San Martino, giorno in cui le famiglie contadine, senza il rinnovo del contratto agrario, partivano alla volta di un’altra campagna.

Ad ospitare la Giornata del ringraziamento sarà ancora il duomo di Ceneda a Vittorio Veneto in quanto Coldiretti Treviso ha voluto onorare il Centenario della Grande Guerra e soprattutto la sua conclusione con delle rievocazioni. Per far questo in piazza Giovanni Paolo I, di fronte al duomo, domenica dalle ore 9 si alterneranno dei momenti a memoria della Grande Guerra e valorizzanti delle produzioni tipiche locali. In particolare ci sarà ad accogliere i vittoriesi un’edizione speciale del Mercato di Campagna Amica.

L’associazione La Ruota di Cappella Maggiore darà vita ad una rievocazione della sgranatura del mais con arrivo in piazza del carro contadino per ricordare che il giorno di San Martino le famiglie, come si spostavano nella nuova campagna. A scortare il carro ci saranno i Cavalieri Cenedesi, con i propri lancieri di Firenze a cavallo, in divisa d’epoca della prima guerra mondiale che saranno presenti anche con una postazione di trincea ricostruita perfettamente anche con oggetti originali. L’azienda agricola Fior di Loto di Martina Lorenzet e l’azienda agricola Quierta di Giorgio De Luca prepareranno la polenta di mais giallo denominato "Nostrano di Piadera", antica varietà in fase di tutela. E poi ci sarà in piazza anche Agricombai, Società Cooperativa di Miane con il marrone di Combai igp.

La cerimonia religiosa, cosa ancor più importante e suggestiva, andrà a celebrare la ritualità della consegna dei prodotti della nostra terra all’altare e successivamente la benedizione dei mezzi agricoli da parte del vicario don Martino Zagonel e dai consiglieri ecclesiastici di Coldiretti Treviso, don Evaristo Colmagro e don Piergiorgio Guarnier (Coldiretti da statuto ha ancora viva e presente la figura del consigliere ecclesiastico che partecipa di diritto ai consigli provinciali. A Treviso vi sono due consiglieri per ognuna delle diocesi principali del territorio). Presente e coinvolto sarà il coro Vittorio Veneto che non mancherà di dare il proprio contributo di valore all’intera manifestazione. Seguirà pranzo sociale con 600 prenotazioni al Victoria Sport dove sarà presentata l’iniziativa solidale per le montagne bellunesi.

Ma perchè si dice "fare San Martino"? L'anno lavorativo dei contadini terminava agli inizi di novembre, dopo la semina. Qualora il datore di lavoro, proprietario dei campi e della cascina, non avesse rinnovato il contratto con il contadino per l'anno successivo, questi era costretto a trovare un nuovo impiego altrove, in un'altra cascina. All'epoca, in assenza di efficienti mezzi di trasporto, il lavoro era organizzato in modo tale che il contadino abitasse sul luogo di lavoro in un'abitazione messa a disposizione dal padrone del fondo agricolo. Un cambio di lavoro comportava quindi un trasloco per il contadino e la sua famiglia. La data scelta per il trasferimento, per tradizione e per ragioni climatiche (estate di San Martino), era quasi sempre l'11 novembre, giorno in cui la Chiesa ricorda San Martino di Tours. In molte località, la piazza dove contadini e proprietari si ritrovavano in tale data al fine di stipulare i contratti per l'anno seguente era spesso quella di fronte all'omonima chiesa o ha preso successivamente il nome di "piazza San Martino".

(Fonte: Coldiretti Treviso).
(Foto: Ansa).
#Qdpnews.it