E’ l’ultimo dei grandi raduni del Centenario e completerà il ciclo di eventi che ha visto arrivare nella Città della Vittoria centinaia di migliaia di persone nel corso del 2018: dopo fanti, alpini, cavalieri, lagunari e paracadutisti ecco la sintesi con le associazioni d’arma di Esercito, Marina, Aeronautica, Carabinieri, Guardia di finanza e Polizia di Stato riunite nel consiglio nazionale permanente presieduto dal generale Mario Buscemi, che si danno appuntamento dal 25 al 28 ottobre con il quinto Raduno nazionale dell’Assoarma.

A loro l’onore di chiudere a Vittorio Veneto le celebrazioni con quattro giorni di eventi, che culmineranno domenica con la cerimonia in piazza del Popolo e lo sfilamento per le vie della città.

Il presidente Giampaolo Saltini (nella foto, il secondo da destra)  ha annunciato l’arrivo i città nel fine settimana di circa 7.000 radunisti da tutta Italia. Il sindaco Roberto Tonon (nella foto, il secondo da sinistra)  ha fatto eco: “ La città vive questo evento con il solito spirito di accoglienza, unico, sarà impegnativo ma anche molto interessante. Anche a livello culturale con il Requiem, abbiamo investito molto nella cultura che contraddistingue una comunità”.

Ci sarà anche il principe Emanuele Filiberto di Savoia con l’Istituto nazionale per la guardia d’onore alle reali tombe del Pantheon.

"AssoArma – sottolinea il presidente Buscemi – non poteva rinunciare a celebrare un evento così significativo nel luogo ove si concluse la Grande Guerra, luogo che è sempre vivo nella memoria nazionale: Vittorio Veneto. Gorizia, Trieste, Torino e Udine sono state le tappe che hanno via via posto in luce il modo di sentire unitario e appassionato delle associazioni d’arma".

Si comincia giovedì 25 ottobre, alle ore 10.30 nel teatro Da Ponte di Serravalle, con le scuole vittoriesi che incontreranno l’ammiraglio Romano Sauro che parlerà del nonno patriota, ma anche del giro d’Italia in barca nel ricordo di Nazario con il titolo di “Sauro 100 porti” (www.sauro100.it), che dal 4 ottobre 2016 al 4 ottobre 2018 lo ha visto toccare cento porti italiani.

Un momento culturale importante sarà il concerto al duomo di Serravalle, venerdì 26 alle 21 con il Requiem di Mozart con l’orchestra sinfonica “Gruppo d’Archi Veneto” e il coro “En clara vox”, diretti dal maestro Davide Pauletto, e presentazione del noto magistrato Carlo Nordio.

Sabato saranno premiati i bozzetti vincenti del concorso di Assoarma per il manifesto e il materiale di promozione: ad aggiudicarsi il premio e un contributo alla scuola due ragazze della quinta classe del liceo artistico Munari, Giulia Pujatti e Alice Uliana.

Verso le 10, tre pullman raggiungeranno i sacrari trevigiani legati alla Grande Guerra: il sacrario di Fagarè della Battaglia, il sacrario di Nervesa della Battaglia e il cimitero austroungarico di Follina, per la deposizione di una corona d’alloro alla memoria di tutti i caduti.

Domenica sarà la giornata clou del quinto Raduno nazionale AssoArma. Alle 10.30, in piazza del Popolo, l’inizio della cerimonia con i saluti ufficiali.

Alle 11.20 l’inizio dello sfilamento: i radunisti partiranno da piazza Borro, dalla Fontana degli Arditi verso viale della Vittoria, passando davanti alla tribuna autorità fino al bivio con via Gei, quindi svolteranno a destra in via Antonello da Serravalle e poi ancora a destra su via Brandolini, con scioglimento della sfilata in piazza Medaglie d’Oro.

Saranno 63 i gruppi e associazioni a sfilare, e insieme per la prima volta anche le 23 bandiere dell’Associazione nazionale ordine cavalieri di Vittorio Veneto, oggi custodite nel sacrario delle bandiere, la chiesetta di San Giuseppe, di piazza Foro Boario.

(Fonte: Fulvio Fioretti © Qdpnews.it).
(Foto: Qdpnews.it ® riproduzione riservata).
#Qdpnews.it