Gara dei fuoristrada nell'oasi del Piave a Vidor, Zanoni chiede l'interrogazione: "Grave segnale ai cittadini"

"Sulla gara dei fuoristrada "Baja di Primavera" svoltasi tra sabato 2 e domenica 3 marzo tra Crocetta e Vidor, in piena area tutelata dalla Rete Natura 2000, la sindaco di Crocetta Marianella Tormena, col collega Albino Cordiali di Vidor, ha voluto fare i primi della classe - ha commentato Andrea Zanoni consigliere regionale - consegnando la chiave dell’oasi naturalistica del Piave ai fuoristrada, mentre i loro colleghi di Ponte di Piave e Cimadolmo, con senso di responsabilità, hanno invece detto di no agli organizzatori".

"Le immagini e i video che circolano, nonché le testimonianze - ha aggiunto Zanoni - parlano chiaro, è un’attività impattante acusticamente, che crea nuvole di polvere, fango e compromette parti di habitat con solchi scavati dal continuo passaggio di questi veicoli che viaggiano a velocità elevate. L’autorizzazione è stato un grave segnale ai cittadini di mancanza di attenzione nei confronti di ambiente, aree protette, animali selvatici, natura in generale, cittadini che sanno che sul Piave è vietato andare anche col motorino. Per fortuna molti dei loro cittadini sono più responsabili e più sensibili e in queste ore stanno facendo sentire la loro voce contraria alla corsa".

"Il sindaco Tormena prenda lezione dai suoi cittadini e soprattutto si studi un po' la direttiva Habitat e il Piano di gestione della zona di protezione speciale Grave del Piave che non le fa male. In merito alle da lei sbandierate autorizzazioni la invito a renderle pubbliche soprattutto in riferimento alla valutazione di incidenza ambientale, voglio proprio vedere chi, autorità e liberi professionisti, si è preso la responsabilità di certificare che decine di pesanti e rumorosi fuoristrada, lanciati a velocità elevate, in un territorio fragile come le grave, non creano un impatto ambientale sul territorio".

"Credo che le associazioni che si stanno adoperando contro questo affronto al Piave e all’ecosistema delle grave di Ciano di Crocetta del Montello – ha concluso Zanoni – debbano procedere anche legalmente con delle denunce ed esposti alle autorità competenti. Depositerò presto una interrogazione urgente alla giunta regionale, oltre a chiedere i documenti perché voglio valutare tutte le responsabilità in campo, dei due sindaci, del Genio civile e di chi ha firmato la Vinca, per poi agire se necessario a norma di legge".

(Fonte: Andrea Zanoni).
(Foto: archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it

0
0
0
s2smodern

// Storie di Sport