Vidor, diverse segnalazioni ieri in municipio: in paese operatori insistenti e nomadi in zona industriale

Giornata intensa ieri, martedì 27 giugno, per la Polizia locale vidorese, alle prese con diverse segnalazioni provenienti dai cittadini. Sono stati infatti avvistati in giro per Vidor e Colbertaldo due giovani, un ragazzo ed una ragazza, che si aggiravano per le case presentandosi come funzionari dell'energia elettrica.

Analoga situazione si è verificata nei giorni scorsi anche in alcuni paesi limitrofi, a San Giovanni di Valdobbiadene, a Moriago e Col San Martino, come hanno segnalato anche su Facebook diversi cittadini.

Ciò che ha colpito chi ha avuto a che fare con loro, in particolare, è stato che quando chiedevano loro di esibire i cartellini di riconoscimento questi ragazzi rispondevano in malo modo, cercando di deviare il discorso e non spiegando in modo chiaro chi fossero.

“Diversi residenti di Vidor mi hanno riferito di aver ricevuto la visita di due giovani che si presentavano come operatori dell'Enel - conferma il sindaco Albino Cordiali - Dai resoconti è emerso che queste persone si proponevano in modo arrogante, chiedendo di vedere le ultime fatture della luce con insistenza. Ho provveduto a mandare immediatamente i vigili per un'ispezione ma non li hanno trovati, probabilmente perchè si erano già spostati”.

E sempre ieri, verso sera, otto roulotte di nomadi hanno fatto sosta nel parcheggio (nelle foto) vicino all'ecocentro comunale di via Margherita Albertini Govone, nella zona industriale in località Bosco.

Trattandosi di una sosta in zona non autorizzata sono intervenuti la Polizia locale ed i Carabinieri, che hanno provveduto all'identificazione di queste persone. I nomadi sono ripartiti quasi subito, lasciando però sparsi per terra diversi rifiuti, a testimonianza del loro passaggio.

(Fonte: Antonella Callegaro © Qdpnews.it).
(Foto: Qdpnews.it ® riproduzione riservata).
#Qdpnews.it

0
0
0
s2smodern

// Storie di Sport