Milano invasa dalle Penne Nere che hanno sfilato all’ombra della Madonnina nell’adunata celebrativa dei 100 anni dell’Ana

È stata un’edizione speciale dell’Adunata quella che si è svolta nel fine settimana a Milano, portando 500 mila persone nel capoluogo lombardo e ben 80 mila penne nere a sfilare.

Cento anni fa in una birreria del centro, proprio a Milano, il tenente colonnello in congedo Daniele Crespi, lanciò l’idea di costituire un sodalizio stabile degli alpini. Il 19 giugno ci fu la prima riunione e una ventina di giorni dopo, l’8 luglio 1919, l’assemblea costitutiva composta da una sessantina di reduci, approvò la costituzione dell’associazione Nazionale Alpini. Nessuno all’epoca avrebbe mai pensato di aver creato quella che nel tempo è diventata l’associazione d’armi più grande al mondo.



A Milano, in Piazza Duomo e per le vie, l’orgoglio per quello che è oggi l’Ana si respirava tutto. Nelle parole del Comandante delle Truppe Alpine, il generale di corpo d’Armata Claudio Berto, del sottocapo di Stato Maggiore dell’Esercito, il generale di corpo d’Armata Claudio Mora, la fierezza degli alpini in armi, che si fanno apprezzare in tutto il mondo per la loro professionalità, competenza e umanità. Il presidente dell’Ana Sebastiano Favero ha rivendicato la “milanesità” della sua associazione, che all’ombra della Madonnina è nata e che a distanza di 100 anni, ha ancora la sua sede nella capitale meneghina.

Tra le autorità anche  il vice presidente del Senato Ignazio La Russa. Un passato da Ministro della Difesa e un sincero amore per gli alpini. Non poteva mancare sul palco del Duomo il governatore del Veneto Luca Zaia, ad applaudire gli alpini delle sezioni Venete, ricambiato in affetto dagli stessi. Quella che si è vissuta a Milano è un’adunata storica che a detta di tutti rappresenterà un passaggio per l’Ana che, partendo dalle sue origini, si prepara ora a correre verso il futuro sulle ali dell’entusiasmo dei suoi alpini.

(Fonte: Giancarlo De Luca © Qdpnews.it).
(Foto e video: Qdpnews.it ® riproduzione riservata).
#Qdpnews.it

// Storie di Sport