Sanità e anziani, crescono le firme a sostegno della petizione lanciata anche online dai Sindacati dei pensionati

In solo tre mesi raccolte 5 mila firme a sostegno della petizione lanciata dai sindacati dei Pensionati di Cgil, Cisl e Uil trevigiani in materia di Sanità e anziani e rivolta alla Regione Veneto. L’iniziativa, per favorire il più ambio coinvolgimento della popolazione, è anche approdata on line sulla piattaforma change.org

Presentata a fine gennaio la raccolta firme, con tre precise e puntuali richieste, indirizzate al presidente Luca Zaia e all’assessore regionale Manuela Lanzarin, i sindacati dei pensionati della Marca chiedono alla Regione del Veneto di attivarsi in materia di Sanità e anziani per aumentare il numero delle impegnative di residenzialità che permettono l’accesso ai Centri di Servizi per gli anziani in convenzione, viste le quote assegnate alle varie Ulss venete congelate ormai da anni e inferiori al numero dei posti letto disponibili nelle strutture del territorio; per ridurre drasticamente i tempi e le liste di attesa per la scheda di valutazione "Svama", necessaria all’accesso dei servizi per anziani (domiciliari, residenziali e semi-residenziali); e per concordare con l’Agenzia delle Entrate un’unica modalità di certificazione e di detrazione della quota sanitaria delle rette dei Centri di Servizi, elemento che attualmente determina grosse differenze e disuguaglianze nel territorio, a discapito dei cittadini e della loro libera scelta.

La raccolta firme si concluderà prima dell’estate, ma per raggiungere il più alto numero di trevigiani e consentire un maggior coinvolgimento della popolazione i Sindacati hanno fatto approdare la petizione anche nella piattaforma online change.org.

(Fonte: Cs Spi Cgil - Fnp Cisl - Uilp Uil).
(Foto: archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it

// Storie di Sport