Qdpnews.it al Vinitaly, il racconto tra iniziative e aziende del Conegliano Valdobbiadene

Si è aperto domenica 7 aprile 2019 a Verona il 53esimo Vinitaly: il brand internazionale per la promozione del vino italiano nel mondo.

Una vetrina che ancora una volta ha messo in risalto tra i fari del settore anche le diverse aziende della denominazione Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore Docg coordinate dall'attività del Consorzio di tutela.

E Qdpnews.it non ha voluto mancare tracciando il racconto di alcune delle tante iniziative della seconda giornata di fiera svoltasi ieri, lunedì 8 aprile.

A cominciare dalla celebrazione del 95esimo anniversario dalla prima iscrizione in etichetta del termine prosecco della storica azienda Carpenè Malvolti di Conegliano, che anticipando con lungimiranza il concetto di denominazione, per prima abbinò il nome di un vino al suo territorio.

Condividere la storia per determinare il futuro, questo il messaggio lanciato dallo stabilimento vinicolo e legato alla ricerca presentata dagli studenti della scuola enologica di Conegliano e dalla Fondazione Its Academy sull'evoluzione comunicativa.

Grato agli studenti il direttore generale di Carpenè Malvolti, Domenico Scimone, e orgogliosa della collaborazione nel progetto "Generazione Docg" tra l'azienda e il Cerletti la dirigente scolastica Maria Grazia Morgan.

Vinitaly è stata anche l'occasione per approfondire le tre "s" chiave della certificazione Sqnpi (il sistema di qualità nazionale di produzione integrata) riconosciuta all'azienda Astoria Wines.

Un'ape sulle bottiglie di prosecco superiore a sottolineare l'attenzione per sostenibilità, salvaguardia e salubrità dell'ambiente, come evidenziato dal titolare Giorgio Polegato.

Ma c'è anche un filo rosa che lega Astoria al Giro d'Italia, ha poi spiegato Filippo Polegato, e che anche quest'anno farà brindare i campioni del ciclismo sul podio di ogni tappa.

La bottiglia ufficiale è stata svelata oggi proprio a Verona, dove il Giro 2019 il prossimo 2 giugno si concluderà a cronometro con arrivo all'Arena. Era successo anche nel 1981 con il trionfo in rosa del vicentino Giovanni Battaglin, presente oggi all'evento di Astoria.

Presente come il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, che insieme alla famiglia Polegato ha stappato la bottiglia ufficiale e tagliato la grande torta rosa. Prima il lancio della campagna "Speak out against hate speech" che vede protagonisti sei atleti italiani di origine straniera, testimonial d'eccezione per la lotta contro gli insulti sui social.

A chiudere il cerchio sulla seconda giornata di Vinitaly la conversazione con il presidente del Consorzio di tutela, Innocente Nardi, che ha toccato i temi dei 50 anni di storia della denominazione e della sempre più marcata attenzione alla sostenibilità ambientale tradotta nel recente protocollo viticolo.





(Fonte: Gianluca Renosto © Qdpnews.it).
(Foto e video: Qdpnews.it © riproduzione riservata).
#Qdpnews.it

0
0
0
s2sdefault

// Storie di Sport