Colline del Conegliano Valdobbiadene candidate all'Unesco, approvato in commissione regionale il disciplinare tecnico

Dopo l’approvazione della nuova candidatura Unesco delle colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene, avvenuta lo scorso 25 gennaio a Parigi, anche la Regione Veneto si muove in vista della possibile approvazione del dossier.

Nella seduta di mercoledì 6 febbraio, la seconda commissione consiliare permanente, guidata al presidente Francesco Calzavara (Zaia presidente) e dal vicepresidente Andrea Zanoni (Partito democratico), ha votato a maggioranza il progetto di legge 403 della giunta ‘Iniziative a sostegno della Candidatura Unesco delle colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene’.

Si tratta del disciplinare tecnico che dovrà essere recepito in tutti i Comuni che entreranno a far parte dell’Unesco  nel caso la candidatura andasse a buon fine, per uniformare gli strumenti di pianificazione urbanistica comunale e i regolamenti edilizi ai valori riconosciuti dall’Unesco. Regole uniformi finalizzate alla conservazione del bene tutelato, in questo caso le colline del Prosecco Superiore.

La commissione ha anche portato a 120 giorni dall’entrata in vigore della legge il termine per l’adozione, da parte della giunta regionale, del disciplinare tecnico, mentre tutte le amministrazioni locali coinvolte hanno già votato in consiglio comunale il recepimento del disciplinare non appena verrà approvato a Venezia.

La valutazione definitiva della candidatura avverrà durante la prossima sessione del Comitato del patrimonio mondiale che si terrà a Baku, in Azerbaigian, dal 30 giugno al 10 luglio 2019.

(Fonte: redazione Qdpnews.it).
(Foto: Consiglio regionale del Veneto).
#Qdpnews.it

0
0
0
s2smodern

// Storie di Sport