Vazzola, la minoranza replica al sindaco Pierina Cescon: “Perse opportunità sui finanziamenti”

“Non si può vedere tutto in positivo”. Questo il commento della minoranza di Vazzola al discorso di fine mandato del sindaco Pierina Cescon, pronunciato in occasione dell’ultima seduta del consiglio comunale dello scorso venerdì 3 maggio.

“Non condivido quanto ha detto il sindaco - ha spiegato il consigliere Fabio Miotto - è stato di nuovo tirato in ballo il Pat, dove abbiamo combattuto e, nonostante ciò, non è ancora nulla se non un mistero”.

“È un ottimo minestrone - ha proseguito Miotto - una quantità abnorme di norme difficili da applicare. Inoltre non ci sono state le condizioni per controllare queste fantomatiche modifiche, perché gli uffici non hanno consegnato nulla. Non c’è trasparenza”.

Alla base della mancata consegna del materiale, stando a quanto ha successivamente spiegato il sindaco, ci sarebbero i tempi tecnici necessari alla Provincia per le comunicazioni ufficiali agli uffici comunali, impossibilitati dunque a procurare il materiale.

“L’esposizione del sindaco vede le cose solo da un punto di vista positivo - ha commentato quindi Claudio Modolo, segretario locale della Lega - invece sono state perse qualche opportunità in termini di finanziamenti e contributi che potevano essere utili”.

“Condivido nel dire che è stata un’esperienza che arricchisce le persone, il Comune ed il territorio - ha detto Floriano Franzon - è stato un bel discorso quello su educazione e cultura, ma tutto ciò stride con la perdita della Direzione didattica ora a Mareno”.

L’argomento, già ripreso dal sindaco in occasione dell’incontro con la cittadinanza lo scorso 19 febbraio, è di fatto stato motivo di ampie critiche all’amministrazione: “Sono scelte amministrative - ha prontamente precisato il sindaco - c’è chi preferisce il lustro e chi fa scelte: avremmo avuto la direzione didattica ma non più spazi per la comunità”.

(Fonte: Thomas Zanchettin © Qdpnews.it).
(Foto: archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it

// Storie di Sport