Valdobbiadene, dimezzato l'indice di indebitamento del Comune: in 5 anni 15 milioni di euro in opere pubbliche

Con l’approvazione del documento unico di programmazione per il triennio 2019-2021, del bilancio di previsione per il 2019 e del bilancio di previsione pluriennale 2019-2021, l’amministrazione comunale di Valdobbiadene ha posto un tassello importante per proseguire la progettualità lanciata nel mandato in scadenza con le prossime elezioni previste in primavera.

Le approvazioni sono state deliberate nell’ultimo consiglio comunale dell’anno, lo scorso 31 dicembre. Un’occasione per rileggere quanto l’amministrazione sia stata in grado di compiere in cinque anni stanziando ben 15 milioni di euro in opere pubbliche, di cui oltre 9 per il miglioramento e l’adeguamento sismico di scuole e patrimonio comunale, quasi due milioni per la manutenzione stradale e più di un milione per la riqualificazione urbanistica e l’eliminazione delle barriere architettoniche.

Dei 15 milioni di euro stanziati, ben 10 milioni sono derivati da contributi pubblici e spazi finanziari sbloccati. Generalmente in ripresa, stando ai dati parziali degli ultimi quattro anni, anche l’occupazione del paese con un saldo positivo di 223 nuovi addetti impiegati nelle imprese locali.

“Nel bilancio di previsione - spiega il sindaco del Comune di Valdobbiadene, Luciano Fregonese - abbiamo inserito solo gli investimenti certi, altri saranno aggiunti in seguito con delle variazioni di bilancio, ma solo quando avremo la certezza delle coperture che potrebbero derivare da contributi o eventuali donazioni”.

“Gli interventi, quindi, che per ora non hanno trovato spazio - prosegue Fregonese - al momento di una variazione di bilancio saranno ripescati dalla graduatoria dall’elenco triennale delle opere pubbliche, adottato in giunta lo scorso 12 ottobre. E poi approvati contestualmente al bilancio stesso”.

Capi saldi già coperti l’adeguamento sismico con la demolizione e la ricostruzione della palestra della scuola media “Efrem Reatto” di via Massimiliano Kolbe per un importo di 1 milione e 600 mila euro, coperti per 1 milione e 37 mila euro da contributo. Un intervento che completerà l’intero adeguamento del plesso scolastico cominciato nel 2015 con l’ala nord e proseguito tra il 2016 e il 2017 con il settore centrale per una spesa complessiva che si aggira attorno ai 4 milioni di euro.

Ma anche l’adeguamento sismico della scuola primaria del capoluogo "San Venanzio Fortunato” per 640 mila euro, coperti per 512 mila euro da contributo. Opera che si aggiunge ai 275 mila euro investiti l'estate scorsa per la messa in sicurezza dei solai e dell’impiantistica.

“Tutto ciò è stato possibile - sottolinea l’assessore al bilancio di Valdobbiadene, Mariachiara Geronazzo - grazie all’impegno della nostra amministrazione che attraverso la progettazione puntuale ed efficace è riuscita a dimezzare l’indice di indebitamento del Comune dal 4,20 percento del 2014 al 2,075 percento del 2019 con un incidenza cinque volte inferiore alla soglia”. 

Pratiche virtuose che hanno permesso all’ente valdobbiadenese di accendere un mutuo bancario di 1 milione di euro. “Nel nostro mandato - aggiunge l’assessore Mariachiara Geronazzo - abbiamo impiegato tutto l’avanzo di amministrazione. Per tutti gli investimenti abbiamo sempre cercato un contributo, che quando esisteva, avendo già un elenco triennale degli interventi, rendeva fattibili le opere”.

Il 2019 porterà in paese anche altre novità nell’ottica delle opere pubbliche, a cominciare dallo stanziamento di 300 mila euro per la riqualificazione di piazza Marconi: tra la fine di febbraio e l’inizio di marzo si aprirà un bando di progettazione per lo studio di massima di un primo intervento calibrato sul progetto di partecipazione “Vivi la piazza”. Entro il mese di maggio è previsto lo studio di fattibilità, mentre per l'autunno è atteso il progetto di un primo lotto da realizzare entro la fine dell’anno e l’inizio del 2020.

Spazio anche all’ampliamento dei cimiteri di Valdobbiadene per 150 mila euro che nelle prossime settimane saranno destinati a degli interventi prioritari in fase di individuazione. Risorse che si aggiungeranno ai 250 mila euro stanziati nel 2018 per l’ampliamento del cimitero del capoluogo, attualmente in fase di progettazione esecutiva, con la realizzazione di 106 nuovi loculi, 48 nuovi ossari e di un nuovo locale per la guardiania e servizi igienici entro l’autunno del 2019.

“Va detto che quanto fatto - chiosa il sindaco Fregonese - e quanto programmato, senza citare la riduzione della pressione fiscale sulla cittadinanza e l’efficiente capitolo di bilancio dedicato al sociale e all’istruzione, si concretizza senza vendere il patrimonio comunale e le sue partecipate. Una su tutte la farmacia comunale, che con la nuova sede di Bigolino ha aumentato il volume di affari del 70 percento ampliando il servizio ai cittadini".

(Fonte e foto: Comune di Valdobbiadene).
#Qdpnews.it

0
0
0
s2sdefault

// Storie di Sport