A Valdobbiadene l'ultimo consiglio del 2018, in 5 anni dimezzato l'indebitamento del Comune

Il consiglio comunale di Valdobbiadene di questa mattina, lunedì 31 dicembre, ha confermato le importanti progettualità già annunciate nei mesi scorsi, confrontandosi con un unico consigliere di minoranza, Rosy Gatto (Valdobbiadene per il Veneto), su cinque.

Le opere pubbliche più rilevanti, già finanziate con ingenti contributi dal Ministero dell’Istruzione, università e ricerca (Miur), sono due. In primo luogo, la demolizione e la ricostruzione della palestra delle scuole medie "Efrem Reatto": un intervento da 1 milione e 650 mila euro, finanziato con un contributo Miur di 1 milione e 37 mila euro, che nel 2019 completerà la messa in sicurezza antisismica del plesso di via Ruio D’Arcane.

Il secondo importante intervento sarà l’adeguamento sismico della scuola elementare "San Venanzio Fortunato": i lavori saranno realizzati nel 2020 con un investimento di 640 mila euro, ben 514 mila provengono da un altro contributo del Miur.

Per il triennio 2019-2021 sono state programmate e già finanziate anche le seguenti opere pubbliche: 390 mila euro per interventi migliorativi sulla rete stradale comunale, 300 mila euro per la nuova viabilità del centro storico, 250 mila euro per i lavori di ampliamento del cimitero di Valdobbiadene (programmati per la primavera 2019), 210 mila euro destinati alla realizzazione di nuove linee di illuminazione pubblica, 150 mila euro per la realizzazione di nuovi loculi nei cimiteri di Bigolino, San Pietro di Barbozza e San Vito.

Parole di soddisfazione sono arrivate da Mariachiara Geronazzo, assessore esterno a bilancio, patrimonio, sviluppo economico e tributi: "In questi cinque anni, nonostante gli importanti investimenti fatti, abbiamo dimezzato l’indebitamento comunale: nel 2014 era pari al 4,20 per cento (5 milioni e 216 mila euro), nel 2019 scenderà al 2,075 per cento. Nei prossimi anni ci saranno ulteriori miglioramenti, infatti stimiamo che nel 2021 il debito sarà pari all’1,990 per cento (3 milioni e 238 mila euro), anche perché, tra il 2020 e il 2021, scadranno diversi mutui comunali. Era da diversi anni che il nostro Comune non aveva un indebitamento così basso e, soprattutto, in costante calo".

L’amministrazione Fregonese, inoltre, ha confermato le aliquote Imu, Tasi e Irpef. Eccetto le prime case che sono esenti, sono state fissate le seguenti percentuali d’imposta: Imu al 0,88 per cento per le seconde case e allo 0,4 per cento relativamente alle abitazioni di lusso, Tasi al 2 per mille per le seconde case e all’1 per mille per i fabbricati rurali e di altro tipo. L’Irpef (Imposta sul reddito delle persone fisiche) è stata mantenuta allo 0,7 per cento. Confermate anche le quattro società partecipate comunali: Alto Trevigiano Servizi, Asco Holding spa, Farmacia comunale "Dalla Costa" e Gal Alta Marca Trevigiana.

(Fonte: Luca Nardi © Qdpnews.it).
(Foto: archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it

// Storie di Sport