Pedaggi in aumento sul passante di Mestre, Cna Treviso non ci sta: scelta iniqua

Aumento dei pedaggi autostradali sulle tratte gestite da Cav (Concessioni Autostradali Venete), la Confederazione nazionale dell'artigianato e della piccola e media impresa (Cna) non ci sta. Il triangolo Venezia-Padova-Treviso, l’area più industrializzata e competitiva del Paese, è il più penalizzato d’Italia dai rincari approvati da questo Governo.

Tassa inaccettabile secondo Cna, che colpisce in modo iniquo molte ditte artigiane, soprattutto del trasporto e della logistica, ma non solo, dato che riguarda i tratti della tangenziale e del passante di Mestre. 

"I rincari dei pedaggi sono pesanti e vanno a colpire in maniera iniqua il nostro territorio – afferma Giuliano Rosolen, direttore provinciale di Cna Treviso -. Avevano detto che non ci sarebbero stati aumenti e gli unici a trovarceli, insieme a poche altre aree in Italia, siamo noi. Non si capisce per quale ragione tratte di autostrada che sono tra le più care d’Italia subiscano ancora aumenti mentre altre tratte no".

"Il ministro dovrà spiegare le sue scelte che vanno ad aggravare di imprese trevigiane e venete e rischiano di inficiarne la competitività - aggiunge Rosolen - Dovrà spiegare agli artigiani trevigiani e veneti quali criteri ha usato per licenziare trattamenti così discriminanti".

(Fonte: Cna Treviso).
(Foto: Cav).
#Qdpnews.it

0
0
0
s2sdefault

// Storie di Sport