L’albergo ristorante “Ai Pini” di Tarzo compie 100 anni: ieri sera grande festa per la famiglia Della Pietà

Correva l’anno 1919, la Grande Guerra era terminata da un anno e in un territorio che si stava ancora leccando le ferite dalla dura occupazione austroungarica nasceva l’Albergo Ristorante “Ai Pini”.

Furono Federico Della Pietà e Clara Tonin (Rico e Rina) a creare a Tarzo un luogo di accoglienza e ristorazione all’interno di una villa veneta del ‘600, casa di caccia della nobile famiglia dei Grimani prima e residenza dei Mondini successivamente. Una cucina semplice e della tradizione con la possibilità di alloggiare nelle signorili camere della villa, questa la ricetta pensata e voluta dai fondatori.

La Clara insieme alla zia Angelina si occupava della cucina, mentre Federico intratteneva i clienti al banco, socializzando con loro organizzando partite a carte, portando anche i turisti in visita sulle colline con la propria automobile quando il lavoro lo permetteva. Pian piano nella gestione dell’attività sono entrati il figlio Bruno Della Pietà con la moglie Maria Boato, villeggiante veneziana.

Negli anni sessanta i veneziani prediligevano le colline e le Prealpi trevigiane per i loro soggiorni e fu così che Bruno conobbe Maria. Pian piano il cambio generazionale si completò con i due coniugi, che prima affiancarono e poi sostituirono Bruno e Maria, riuscendo anche ad acquistare la villa che fino ad allora era gestita in affitto.



Gli anni passano fino ad arrivare ai nostri giorni. Ora a gestire l’albergo ristorante “Ai Pini”, ci pensano Giovanni Della Pietà e la sorella Susanna, mentre la terza sorella Clara ha preso la strada dell’insegnamento e si limita (parole sue) a mangiare a “sbafo” dai fratelli. Con la supervisione dei genitori, Giovanni e Susanna hanno raccolto il testimone, ciascuno seguendo la propria vocazione.

Giovanni si occupa della gestione della struttura, dell’accoglienza in sala e di stare dietro al bancone, mentre Susanna continua a sfornare le ricette delle tradizione. ll ristorante è rimasto fedele a sé stesso, con Susanna che ripropone le antiche ricette di zia Angelina e della mamma, con una specialità: il risotto.

E’ talmente brava a farlo da meritarsi l’appellativo di “regina del risotto”. Per il centenario erano in tanti ieri sera che hanno voluto stringersi attorno alla famiglia Della Pietà. I clienti, gli amici e l’amministrazione comunale.

Il sindaco Vincenzo Sacchet nel fare gli auguri alla prestigiosa struttura, ha sottolineato il ruolo fondamentale che la famiglia “Della Pietà” ha recitato per 100 anni di fila gestendo l’albergo ristorante “Ai Pini” e facendolo diventare simbolo dell’accoglienza dell’intero borgo.



(Fonte: Giancarlo De Luca © Qdpnews.it).
(Video: Qdpnews.it © Riproduzione riservata).
#Qdpnews.it

// Storie di Sport