Susegana, sabato scorso lo spettacolo di fine anno "I colori delle emozioni" della scuola dell'infanzia di Ponte della Priula

“I colori delle emozioni” è stato il tema scelto per l'anno scolastico 2018-2019 dalla scuola dell'infanzia parrocchiale paritaria “Santa Maria delle Vittorie” di Ponte della Priula. La scuola, presieduta dal parroco don Andrea Sech, conta circa una novantina di iscritti, suddivisi in quattro sezioni miste.

La coordinatrice Roberta Casellato e le insegnanti Anna Cremonese, Nadia Gobbo, Elisabetta Pettenò e Stefania Pillon, hanno voluto incentrare, infatti, tutte le attività sulle emozioni. Il programma è iniziato lo scorso ottobre con l'arrivo alla scuola dell'infanzia di un personaggio: “Il Mostro dei Colori”, tratto dal libro di Anna Llenas che aveva confuso le emozioni ed era perciò necessario rimetterle in ordine.

Ogni singola “emozione” è stata racchiusa in un barattolino con i corrispondenti colori (allegria – giallo, paura – nero, tristezza - azzurro, rabbia – rosso), che veniva fatto recapitare alle classi nel nel corso dei mesi, con grande stupore dei bambini quando sentivano bussare alla porta. Da qui lo spunto per approfondire e spiegare meglio le emozioni durante le varie attività attraverso il corpo, la voce e la musica. E' stato organizzato anche un laboratorio di danza con l'art counselor Mirco Castello, che ha insegnato ai bambini ad esprimere i sentimenti attraverso i movimenti.

Ponte della priula recita asilo2

A conclusione di tutto il lavoro c'è stato lo spettacolo di fine anno, che si è svolto sabato 8 giugno nella chiesa parrocchiale di Ponte della Priula, al quale era presente anche il sindaco di Susegana Vincenza Scarpa.

“La scelta della progettazione annuale svolta con in bambini ed intitolata: I colori delle emozioni, percorso di alfabetizzazione emotiva” - ha spiegato la coordinatrice Roberta Casellato - E' nata dalla riflessione che la società attuale porta sempre più a valorizzare nel bambino le capacità intellettive e fisiche, senza dare sufficiente spazio al rafforzamento degli aspetti emotivi e relazionali, fondamentali per una crescita armonica e completa. Molte difficoltà comportamentali ed emotive che si riscontrano nei bambini sono dovute all'incapacità di riconoscere, denominare e saper affrontare proprio le emozioni".

La festa è iniziata con un'operetta scritta e diretta da Gino Giordano e portata in scena dai genitori, come sorpresa per i bambini, che richiamava la storia del “Mostro delle emozioni”, il tutto accompagnato musicalmente da tre ragazzi dell'Istituto m usicale “Arnaldo Benvenuti” di Conegliano che hanno suonato violini e arpa. I bambini si sono esibiti poi con una canzone, una poesia ed una filastrocca e la canzone dello Zecchino d'Oro “Prendi un'emozione” e per finire ci sono state delle danze popolari di svariati paesi del mondo, ognuna che rappresentava una particolare emozione suscitata attraverso il racconto di una storia.

Al termine sono stati consegnati i diplomi ai bambini più grandi che a settembre andranno in prima elementare ed a tutti è stata regalata una bandana con impresse le “emoticon” delle emozioni trattate. Un ringraziamento per la riuscita dell'evento e per il buon funzionamento della scuola va a tutto il personale, alle insegnanti, alla cuoca, all'addetta alle pulizie, alle suore, ai genitori, ai volontari e a tutti coloro che collaborano sempre con molta passione in modo proficuo.

(Fonte: Antonella Callegaro © Qdpnews.it).
(Foto: Scuola dell'Infanzia Ponte della Priula).
#Qdpnews.it

0
0
0
s2sdefault

// Storie di Sport