Susegana, Sandro Bonato lascia il comando della Polizia locale. "Qui la gente mi è rimasta nel cuore"

Sandro Bonato (nella foto)  lascerà a breve il comando della Polizia locale di Susegana. A partire da venerdì 1° marzo, infatti, il comandante prenderà stabilmente servizio nel Comune di Asolo, alle redini del consorzio TV5A, il servizio associato attivo in dieci Comuni dell’Asolano e della Pedemontana del Grappa.

Già dall’inizio di questo mese Bonato ha iniziato conoscere il suo nuovo incarico, lavorando per due giorni alla settimana ad Asolo. Per marzo è prevista la stessa turnazione ma a parti invertite, con due giornate a Susegana per gestire il periodo di cambiamento.

Classe 1961, laureato in Scienze agrarie all’università di Padova, Sandro Bonato è entrato nella Polizia locale nel 1995, prestando servizio nei Comuni di Montebelluna, Asolo, Pieve di Soligo e Valdobbiadene.

Nel 2003, sedici anni fa, l’arrivo a Susegana in qualità di comandante del Consorzio di Polizia locale Piave, che riuniva sette Comuni e poi scioltosi nel 2012. A partire da quella data è rimasto alla guida della municipale suseganese, con due parentesi come comandante ad interim della Polizia locale di Conegliano e come comandante del consorzio di polizia in vigore per un periodo tra Susegana, Mareno e Santa Lucia di Piave.

“E’ strano cambiare dopo tanto tempo trascorso a Susegana, dove sono conosciuto e ho potuto condividere tante esperienze con i colleghi e con tutta la comunità: qui la gente mi è rimasta nel cuore - afferma il comandante Bonato - Al contempo trovo stimolante la sfida che mi attende ad Asolo, dove dovrò coordinare un consorzio di Polizia locale composto da dieci Comuni”.

Come si fa ad essere un buon comandante di Polizia locale? “Bisogna ricordarsi che lo scopo del nostro corpo è sempre stato quello di far rispettare le regole che sovrintendono la convivialità e il buon funzionamento della società - risponde Sandro Bonato - I vigili devono essere in grado di dare una risposta pronta alla comunità, cercando sempre di collaborare con i cittadini. E’ dimostrando coerenza e correttezza che si ottiene il riconoscimento del proprio ruolo di tutore delle norme comuni ed è così che le persone si possono identificare con te”.

“Con molto dispiacere abbiamo dovuto accettare la richiesta del comandante - dichiara il sindaco Vincenza Scarpa - Per la nostra amministrazione lavorare al suo fianco è stata una bellissima esperienza, è stato determinante per tutti i risultati che abbiamo raggiunto negli ultimi anni, come il controllo di vicinato. Si tratta di una persona piacevole e capace, in grado di mediare i conflitti, una qualità di cui c’è molto bisogno al giorno d’oggi. Sono convinta che saprà dimostrare tutto il suo valore anche nel suo nuovo ruolo”.

Nel frattempo, il Comune si sta organizzando per entrare a far parte del “Corpo di polizia locale del Coneglianese”, la gestione associata del servizio attualmente in vigore tra i Comuni di Conegliano, Santa Lucia di Piave e San Pietro di Feletto.

“Stiamo completando le procedure, ma l’approvazione definitiva dovrà prima passare in tutti i consigli comunali delle amministrazioni che partecipano alla gestione associata - conferma la prima cittadina Scarpa - Il mio augurio è che si possa concludere l’iter nel più breve tempo possibile”.

(Fonte: Edoardo Munari © Qdpnews.it).
(Foto: Qdpnews.it ® riproduzione riservata).
#Qdpnews.it

0
0
0
s2smodern