Susegana, si lamenta della multa su Facebook e viene ripreso dal sindaco: le telecamere raccontano un'altra storia

E’ ora di educare le persone al rispetto del lavoro degli altri”. Dura reazione del sindaco di Susegana Vincenza Scarpa nei confronti di un cittadino autore di un post nel gruppo Facebook "Sei di Ponte della Priula se", nel quale denunciava la mancanza di buon senso della Polizia locale dopo una multa comminata al padre.

La vicenda risale alla mattinata di lunedì 21 gennaio: da quanto riportato dal cittadino, il padre si sarebbe recato in posta a Ponte della Priula in auto accompagnato dal fratello, ma pur avendo il permesso di parcheggio per disabili, non avrebbe trovato stalli liberi dove lasciare la macchina, parcheggiando così sopra un marciapiede per poi dirigersi in posta. Poco dopo è arrivata una pattuglia della Polizia locale, che ha multato l’auto lasciata fuori dai parcheggi.

“Sicuramente la violazione è stata commessa - ha scritto l’autore del post - ma ritengo giusto che certe situazioni debbano essere governate soprattutto dal buon senso. Ciò dovrebbero fare le istituzioni che invece il buon senso, la calma e la comprensione a noi cittadini la chiedono costantemente. Complimenti davvero. Oggi ho capito chi mette in atto la cosiddetta "lotta civica" ". 

Le immagini riprese dalle telecamere del sistema di videosorveglianza, tuttavia, restituiscono una versione diversa dell’accaduto.

Il video mostra chiaramente che i parcheggi fronte ufficio postale erano liberi - ha risposto la prima cittadina Scarpa - Erano altresì liberi altri cinque posti in piazzale, ivi compreso il posto per disabili. L'auto, con un solo passeggero a bordo, si è posizionata subito sul marciapiede e da essa è scesa una persona che con passo spedito è entrata nell'ufficio postale. Non corrisponde a verità che il conducente del veicolo abbia parlato con la Polizia locale, spiegando l'accaduto. Il video è a disposizione di chi volesse visionarlo e magari nel contempo scusarsi con la Polizia locale, la quale deve tutelare i cittadini che sono vittime di chi il "buon senso" non lo usa”.

Il sindaco ha poi invitato chiunque volesse a visionare l’accaduto così come ripreso dalla telecamera, aggiungendo che la Polizia locale si riserva di procedere con una denuncia per diffamazione.

“Non si possono più scusare certi comportamenti - è lo sfogo del sindaco Scarpa - Ci vuole più rispetto per le persone e per il ruolo che svolgono, per questo ho voluto intervenire: servono azioni che richiamino all’importanza dell’educazione e di un atteggiamento corretto da parte di tutti i cittadini”.

(Fonte: Edoardo Munari © Qdpnews.it).
(Foto: archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it

0
0
0
s2sdefault

// Storie di Sport