Questo mese di maggio porta con sé un altro ottimo risultato per Piero Simeoni, il 19enne di Bigolino di Valdobbiadene (a sinistra nella foto) tra le migliori promesse del tiro a volo specialità fossa olimpica. Al campo di volo di L’Aquila ieri, giovedì 23 maggio, Simeoni ha partecipato per la prima volta ai campionati italiani universitari, ottenendo un’eccellente medaglia d’argento individuale, alle spalle del campano Simone D’Ambrosio, ed un secondo posto a squadre con il Cus Venezia.

Una prima volta da “matricola” visto che Piero frequenta il primo anno di Economia e Commercio all’università Ca’ Foscari di Venezia, mentre D’Ambrosio, non solo è più grande di lui, ma parteciperà anche ai prossimi campionati del mondo.

È stata una nuova esperienza – racconta Piero Simeoni - perché mi sono trovato a gareggiare con molti atleti della nazionale maggiore, dato che io, essendo al primo anno di università, ero il più piccolo. Ho rotto 70 piattelli su 75 aggiudicandomi un posto in finale tra i primi sei e, successivamente, ne ho rotti 41 su 50 nella lotta per il podio, arrivando secondo”.

“Sono molto soddisfatto – conclude il 19enne valdobbiadenese - perché il primo classificato è uno degli atleti che parteciperà ai campionati del mondo, mentre il suo collega si è classificato settimo. Questo secondo posto è davvero un ottimo risultato”.

(Fonte: Luca Nardi © Qdpnews.it).
(Foto: Per concessione di Piero Simeoni).
#Qdpnews.it