Ogni corsa ha il suo fascino e la sua storia, il suo rapporto con il territorio. Il Rally della Marca è tutt’uno con le colline del Prosecco. Presentata alla vigilia di Pasqua l’edizione n. 36, nell’atmosfera cordiale e amichevole della cantina Foss Marai a Guia di Valdobbiadene, dove i Biasiotto padroni di casa hanno identica passione per vino e auto. E i coniugi Brunetta, Gigi ed Elena, artefici del rally trevigiano dal 2005 assieme al loro frizzante Motor Group, l’hanno detto chiaro: “Qui ci sentiamo in famiglia”. Clima pasquale che ha ispirato anche il direttore di gara Simone Bettati: “Questo non è solo un rally di macchine, ma un rally di persone”, con doveroso grazie ai commissari di percorso e a quella moltitudine di collaboratori che non viene illuminata dalle luci della ribalta, ma permette al circo di funzionare egregiamente.

Per la prima volta il Rally della Marca avrà partenza (venerdì 28 giugno ore 20:15) e arrivo (sabato 29 ore 19:10) a Montebelluna, guarda caso in piazza Marconi come avveniva a Valdobbiadene. “Abbiamo voluto allargare il raggio d’azione – ha spiegato Brunetta – e ritrovare le nostre radici, dato che il Motor Group ha organizzato il Rally Montebelluna dal 1993 al 2009, mantenendo il rapporto consolidato con Valdobbiadene dove si faranno le verifiche sportive e tecniche dei concorrenti, sarà allestito il parco assistenza e si svolgeranno i riordini durante la gara”.

rallymatca2

Tre giorni di festa rombante iniziando da giovedì 27 giugno. Terminate le ricognizioni sul percorso (dalle 9 alle 12 e dalle 13:30 alle 19) con appendice serale allo “Zadraring” (dalle 20 alle 23), in piazza Marconi a Valdobbiadene sarà “notte bianca” con i negozi aperti, la mostra delle vetture del rally e la presentazione degli equipaggi sul palco. Venerdì 28 al mattino le verifiche a Valdobbiadene (dalle 9 alle 13) e nel pomeriggio lo shakedown a Combai (dalle 13:30 alle 17:30). Poi un paio d’ore di riposo prima di calarsi negli abitacoli.

Crono spettacolo allo “Zadraring” (ps 1 di 2,40 km) venerdì sera dalle 20:40 in zona industriale a Bigolino di Valdobbiadene, ormai tradizionale appuntamento degli appassionati di derapata e controsterzo. Tracciato in sicurezza per il pubblico e divertimento assicurato. “E’ sempre la stessa prova – minimizza il “paron” Bepi Zadra – però bisogna fare attenzione nello stretto, perché brecciolino e muretti sono micidiali e se ti si spegne il motore perdi un sacco di tempo e puoi compromettere l’intera sfida”.

Il clou del rally sabato 29 con la trilogia di prove speciali rivisitata nella corta di “Arfanta” (8 km) dedicata a chi non c’è più (il compianto Mauro Casagrande), ma la voleva più di ogni altro. A Tarzo in suo onore faranno festa in anticipo, sabato 25 maggio, con sfilata di Alfasud, gara ai simulatori, stand, chioschi e musica come piaceva a lui. Ci penseranno le classiche “Monte Cesen” e “Monte Tomba” a fare selezione, miscelando curve e tornanti, salita e discesa, staccate e cambi di ritmo in grado di esaltare le qualità degli equipaggi.

(Fonte: Rally della Marca).
(Foto: Qdpnews.it ® Riproduzione riservata).
#Qdpnews.it