Chi pensa che il boscaiolo sia solo ed esclusivamente un lavoro da uomini probabilmente dovrà ricredersi. Arriva da Valdobbiadene, infatti, la vice campionessa olimpica di motosega, titolo conquistato la scorsa settimana (giovedì 6 e venerdì 7 aprile 2017) ottenendo il secondo posto nella categoria femminile.


Merito di Stefania Geronazzo (nelle foto), studentessa valdobbiadenese 16enne dell’Istituto agrario feltrino “Antonio Della Lucia” di Vellai, capace di ottenere il secondo gradino del podio alla 12esima edizione delle Olimpiadi forestali Alpe Adria di Slavonski Brod in Croazia, una competizione internazionale che ogni anno riunisce gli istituti agrari di otto diverse nazioni (oltre all’Italia anche Austria, Slovenia, Croazia, Bosnia, Serbia, Repubblica Ceca e Ungheria) e che quest’anno ha radunato 102 atleti in gara per un totale di 26 squadre partecipanti.


“Ho iniziato a seguire gli allenamenti di motosega grazie alla proposta della mia scuola - racconta Stefania - e con un po’ di stupore, dopo solo pochi mesi, a gennaio mi sono ritrovata convocata nella squadra femminile. Da lì l’impegno si è fatto più intenso con allenamenti due volte a settimana dopo scuola”.


Un lavoro duro che però ha saputo ripagare gli sforzi della giovane studentessa e l’interessamento dell’Istituto (presente all’olimpiade sia con la squadra femminile che con quella maschile) che dopo 12 edizioni è finalmente riuscito a conquistare il podio della competizione, regalando all’Italia una storica “medaglia” e spezzando il dominio austriaco che da sempre contraddistingue l’evento. “Tutta l'olimpiade è stata per me un’esperienza unica - continua Stefania - ma l’emozione di rappresentare la nostra nazione e di salire sul podio guardando il nostro gruppo in piedi a urlare per questo risultato è stata davvero fantastica”.


Un’impresa che in seguito all’ultima delle quattro prove in programma rischiava di vacillare. Dopo “taglio di precisione” (197 punti su 220), “taglio di abbattimento" (617 su 660) e “cambio catena” (compiuto in 19,5 secondi), infatti, il “taglio di combinato”era costato a Stefania 50 punti di penalità.


“Alla fine dell’ultima prova ho avuto la sensazione di aver sprecato una grandissima occasione - conclude la vice campionessa olimpica - e fino alle premiazioni sono stata con il fiato sospeso. Devo ringraziare tutta la spedizione dell’Istituto, dalle mie compagne (Lucia Sacco, Silvia Lucchet e Desirée Facchin) al nostro coach (Flavio Dal Piva) ai docenti: un grazie particolare va poi alla nostra accompagnatrice Asja Gris che mi ha sostenuto per tutta l’esperienza".

(Fonte: Gianluca Renosto © Qdpnews.it).
(Foto e video: Qdpnews.it ® riproduzione riservata).
#Qdpnews.it