Sernaglia Lino FrareC'è anche una vecchia conoscenza sernagliese tra i campioni d'Europa della Pontese. E' Lino Frare (nella foto), alteta cresciuto nella società bocciofila "San Antonio" di Falze' di Piave. E' lui uno degli uomini chiave nella vittoria della trevigiana Pontese nella Coppa dei Campioni per Club 2016. Un altro successo, quello guadagnato al bocciodromo della Vita Nova di Savigliano, che si va ad aggiungere al medagliere di uno degli atleti del Quartier del Piave che è stato protagonista nelle migliori competizioni a livello nazionale e internazionale.

 

Per la seconda volta nella sua storia il club trevigiano (nella foto sotto)  di patron Dario Buset (la prima fu nel 2011) si è fregiato del prestigioso trofeo continentale del volo, tra gli applausi del pubblico assiepato sulle tribune. L'epilogo della 27esima edizione ha visto la Pontese vincere 16-6 contro la slovena Lokateks Trata che, a dispetto dei pronostici della vigilia, aveva estromesso in semifinale l'ambiziosa e - sulla carta - favorita Cro Lyon con il punteggio di 12-10.


Nell'anticamera della finale ha trovato disco rosso La Perosina, fermata da una Pontese assai determinata con il punteggio eloquente di 15-7. La sfida conclusiva, tutta orientale, si è subita incanalata sui binari dei trevigiani guidati dal tecnico Roberto Scarpat. Vinta la staffetta per 50 su 59 a 41 su 56, da parte di Ziraldo-Borcnik nei confronti di Rode-Vujanovic, il doppio tiro di precisione ha fatto lievitare il vantaggio italiano sul 6-0 per merito delle prove di Sever e Janzic, dinanzi ai quali si sono dovuti arrendere Mozina e Tomse, superati rispettivamente 26 a 17 e 26 a 20.

Assai incerti nella loro progressione i due combinati. Il pontese Marcelja, recuperato lo svantaggio su Vehar (dal 12-17 al 19-19 grazie a due bocciate, la prima “ferma”, e due pallini), ha ceduto negli ultimi due turni perdendo per 23-27. Nel match concomitante Causevic ha ripetuto l'eccellente prestazione della semifinale (30), resistendo al tentativo di Premru, costretto sempre ad inseguire sotto di un paio di punti, e chiudere sul punteggio di 28-27. In vantaggio per 8-2, la Pontese ha posto le due ciliegine sulla torta con il doppio tiro progressivo : Ziraldo si è imposto a Vujanovic per 43 a 33 e Borcnik ha chiuso trionfalmente e aritmeticamente la contesa battendo 46 a 23 Rode. Le quattro prove tradizionali dell'ultimo turno si sono disputate in un clima di grande sportività e rispetto reciproco.

Treviso Cmaoioni Pontese

(Fonte: redazione Qdpnews.it).
(Foto www.federbocce.it).

#Qdpnews.it