"Con entusiasmo e soddisfazione, salutiamo, il ritorno del ciclismo della categoria Juniores a Orsago e speriamo che dopo l’esito positivo dello scorso anno si continui a parlare di ciclismo, di gara, di sano e leale agonismo che porti sul palco alla premiazione un degno vincitore". Parola di Lillo Zussa, presidente del "Veloce Club Orsago", alla regia del 78esimo Circuito di Orsago (nella foto Bolgan, Jonathan Milan, vincitore della scorsa edizione),  in programma domenica 24 marzo, alle ore 14.45, storico appuntamento per il paese.

"E' un appuntamento consolidato che ci riporta indietro nel ricordo dal sapore antico, per le immagini di uno sport di fatica e sudore che rimane nei fondamentali di quello moderno dove la capacità e l’impegno si coniugano con la preparazione e la tecnologia del mezzo - racconta Zussa - La promozione dell’attività sportiva in particolare quella giovanile sono obiettivi che l’associazione ciclistica Veloce Club Orsago, da sempre si prefigge di centrare. Per questo motivo ci impegniamo a organizzare quegli eventi rivolti ai settori giovanili che sono per noi fondamentali".

"Lavoriamo per dare la possibilità a dei giovani volenterosi, anche se non protagonisti di primo piano, di praticare un’attività sportiva come il ciclismo, che sulla carta, se non inquinata dall’egoismo dei meno giovani, risulta essere uno dei migliori palcoscenici di formazione e di vita - prosegue il presidente del Club - Palcoscenici che fanno emergere quei valori che consideriamo fondamentali per i giovani atleti di oggi e per gli uomini di domani che formeranno la nostra comunità. Il ciclismo e il Circuito di Orsago, contribuiscono a raggiungere questi obiettivi. Almeno questo è il messaggio in cui noi crediamo ancora, anche se forse siamo rimasti indietro, perché questo mondo moderno sta tritando tutto ciò su cui generazioni hanno basato il proprio credo".

Circuito di Orsago che quest'anno cambia pelle. "Dopo una vita sportiva di oltre 36 anni spesa a ricordare degli amici particolari, abbiamo l’impegno di fare nostro il ricordo di un altro socio fondatore della nostra gloriosa società del Veloce Club Orsago, Giovanni Battistuzzi, Cavaliere della Repubblica Italiana - entra nel merito Zussa - Noi dobbiamo un grazie di cuore alla grande famiglia dei fratelli Adriano e Danilo Mion che per tutti questi anni hanno voluto ricordare con noi. Il tempo corre inesorabile, ed ora con un altro trofeo cercheremo di ricordare un nostro caro amico, un uomo di grandi valori sportivi, morali, sociali e politici. Siamo certi che dall’alto, Giovanni guiderà il degno vincitore del prossimo Circuito di Orsago. Un giovane destinato ad inseguire quei valori che gli permetteranno di essere un uomo nella vita. Ringraziamo tutti coloro che lavoreranno per rendere questo evento degno della storia che lo accompagna".

(Fonte: Mattia Vettoretti © Qdpnews.it).
(Foto: Bolgan).
#Qdpnews.it