Vincere è il sogno di ogni atleta, ma vincere in casa è una soddisfazione immensa. Il sogno di Simone Pederiva, 17enne di Farra di Soligo, si è realizzato lo mercoledì 1 maggio al 13esimo Cross Country tra le Torri: manifestazione sportiva dedicata alla mountain bike e valida come quarta prova del calendario della Veneto Cup 2019.

L'evento, promosso dall'associazione ciclistica Col San Martino, presieduto da Angelo Guizzo, si è rivelato un nuovo successo per gli organizzatori con oltre 400 atleti al via.

Simone Pederiva, 18 anni il prossimo 24 maggio, ha vinto la gara della categoria junior portando in alto il nome della sua società, la Cube Crazy Victoria Bike Asd di Vittorio Veneto.

“Aver vinto la gara di casa mi ha dato un bel morale - racconta Pederiva - è da quando ho iniziato a correre in bici che desideravo vincerla, sapevano tutti quanto ci tenevo. Ho corso tutta la gara con il secondo classificato e l’ho spuntata all’ultimo".

"Alzare le braccia a casa propria - prosegue il ciclista - è un’emozione che auguro a tutti. Ci tengo a sottolineare il gesto del mio avversario, che più che avversario posso considerare un amico. Quando alla seconda tornata mi è caduta la catena e in pochi secondi ho visto il mio sogno andare in frantumi, lui, invece di forzare l’andatura e di fare di tutto per staccarmi, mi ha incoraggiato mentre mi superava e non ha forzato, dandomi modo di ritornare sulla sua ruota, così da poterci giocare la vittoria come si deve”.


Farra podio Xc tra le Torri

Oggi, domenica 5 maggio 2019, Simone Pederiva è stato protagonista di un’altra prestazione maiuscola a Teramo, in Abruzzo, alla quarta tappa degli Internazionali d’Italia series.

“Sono arrivato a Teramo ieri con la voglia di riscattarmi dalla sfortuna della scorsa domenica - racconta Pederiva - che mi ha escluso dai giochi per una rottura meccanica mentre ero in gara alla terza tappa degli Internazionali d’Italia a San Marino".

"Fin dall’inizio ho corso nelle posizioni di testa - aggiunge il biker farrese - il primo aveva una marcia in più e, poco prima di metà gara, ha aumentato il ritmo, così siamo rimasti in tre a giocarci la seconda posizione. In prossimità dell’ultimo giro ci sono stati diversi scatti e, quindi, all’ultima salita mi sono trovato quarto e ho chiuso in questa posizione. Sono comunque soddisfatto della prestazione, data l’importanza ed il livello di queste gare”.

“Ringrazio gli accompagnatori, la squadra, i genitori, gli amici e la mia fidanzata - conclude il campioncino di Farra di Soligo. Ringrazio anche due persone in particolare: Ivan Cais e Mauro Caneva. Con me stanno facendo un lavoro maiuscolo e ad ogni appuntamento mi portano sempre al top della condizione fisica e mentale”.

(Fonte: Luca Nardi © Qdpnews.it).
(Foto: Ac Col San Martino).
#Qdpnews.it