Sernaglia della Battaglia, inaugurata ieri l'area di sosta pubblica a Falzè con 57 posti auto, bagni e docce

E' stata inaugurata ieri mattina, sabato 13 luglio, la nuova area pubblica di sosta per veicoli a motore, in via Grave, località Passo Barca, a Falzè di Piave.

Questa zona, vicino al fiume Piave, è molto visitata da turisti, escursionisti e bagnanti soprattutto in estate, ed è anche un punto di partenza per i percorsi storico-naturalistici e per le attività sportive come la canoa, l’equitazione, la pesca, le corse con i cani da slitta.

Ora la nuova area di sosta che è stata realizzata offre 57 posti auto gratuiti e nuovi servizi igienici con docce a servizio dei numerosi frequentatori del luogo.

Al momento dell'inaugurazione il sindaco di Sernaglia della Battaglia Mirco Villanova ha voluto ringraziare i cittadini e le autorità presenti, tutti gli addetti ai lavori, gli uffici comunali competenti e la responsabile del procedimento Maria Contessotto che hanno realizzato il progetto, l'architetto progettista Eros Barazza, la ditta M.c. Costruzioni di Volpago del Montello che ha eseguito i lavori ed Alto Trevigiano Servizi.

“Quest'opera è costata 135 mila euro, coperti anche grazie ad un consistente contributo di 100 mila euro del consorzio Bim Piave Treviso, che ringrazio.” - ha riferito il sindaco - “È un'opera ereditata dalla giunta Fregolent, che ha saputo portare avanti un’idea estremamente importante per il nostro territorio. Oggi questa amministrazione comunale inaugura un progetto che vuole valorizzare l’area cercando di rendere più agevoli il traffico e la sosta e quindi la presenza dei turisti, offrendo anche nuovi servizi igienici. Allo stesso tempo, questo progetto va a incentivare la ricezione turistica di questo luogo ricco di percorsi naturalistici e capace di ospitare varie attività anche grazie al vicino anfiteatro. Auspico che questa nuova area di sosta, che è al servizio di tutti, possa essere utilizzata in modo corretto e rispettoso da parte di ognuno”.

area sosta falze

L'architetto Eros Barazza ha spiegato: “Abbiamo cercato di coniugare il numero di posti auto con il mantenimento delle preesistenze. I materiali utilizzati per l'area di sosta dovevano “ripetere” quelli che troviamo nei percorsi lungo la Piave e nella Piave stessa. È stato realizzato anche un servizio igienico accessibile ai portatori di handicap con sistema autopulente e docce”.

Il sindaco di Follina Mario Collet, intervenuto in qualità di consigliere del consorzio Bim Piave, ha riferito: “Quest'opera rientra nel piano strategico collegato alla pista ciclabile del fiume Piave. Grazie per avere portato a compimento quest'area di sosta in tempi brevissimi. Auguro a tutti di poterla usufruire civilmente”.

Infine la senatrice Sonia Fregolent ha aggiunto: “Mi unisco ai ringraziamenti già fatti dal sindaco, ringrazio anche gli Alpini di Falzè che oggi si sono resi disponibili per il brindisi inaugurale di quest'opera che diventerà strategica non solo all'interno del progetto della pista lungo il Piave ma per un territorio che può diventare fondamentale dopo il riconoscimento delle Colline del Prosecco come patrimonio dell'Unesco, e all'interno di un progetto più ampio che è il “Manifesto per le terre dell'acqua”, al quale stiamo lavorando e che potrebbe dare risvolti di tipo turistico molto significativi. Questo vuol dire portare turisti, portare ricettività, dare risposte anche di tipo economico fondamentali per un tessuto come il nostro.”

Dopo la benedizione del parroco don Mirko Dalla Torre c'è stato il taglio del nastro e, mentre si svolgeva il rinfresco, sono già sopraggiunti i primi fruitori dell'area di sosta con una macchina targata Venezia.

(Fonte: Antonella Callegaro © Qdpnews.it).
(Foto: Qdpnews.it © Riproduzione riservata).
#Qdpnews.it

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies.