Sarmede è "Città che legge", il paese della fiaba si fregia della qualifica per il 2018-2019

Sarmede è stata riconosciuta "Città che legge" dal Centro per il libro e la lettura del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. Il Cepell ha infatti inserito Sarmede nell'elenco dei 70 Comuni italiani, fino a 5 mila abitanti, che potranno fregiarsi della qualifica di "Città che legge" per il biennio 2018-2019, dopo una selezione avvenuta sulla base di un avviso pubblico lanciato nel mese di marzo.

L’amministrazione comunale, di concerto con il comitato biblioteca, hanno condiviso appieno e fatto proprio il concetto riportato nel bando di selezione, del quale si riporta lo stralcio più significativo: "Dalla lettura dipendono lo sviluppo intellettuale, sociale ed economico delle comunità: è con questa consapevolezza che il Centro per il libro e la lettura, d’intesa con l’Anci – Associazione Nazionale Comuni Italiani attraverso la qualifica di Città che legge ha deciso di promuovere e valorizzare quelle amministrazioni comunali impegnate a svolgere con continuità sul proprio territorio politiche pubbliche di promozione della lettura. L’intento è di riconoscere e sostenere la crescita socio-culturale attraverso la diffusione della lettura come valore riconosciuto e condiviso, in grado di influenzare positivamente la qualità della vita individuale e collettiva".

Grazie a questa qualifica il "Paese della Fiaba", conosciuto in tutto il mondo per la mostra internazionale dell'illustrazione per l’infanzia e le fiere del teatro, entra a far parte di un circuito nazionale e di attività legate ai temi della lettura e della crescita culturale della comunità, con la possibilità di accedere a bandi e finanziamenti del Ministero e del Centro per il libro, che permetteranno di implementare le attività già avviate in questa piccola realtà grazie, anche, alla proficua e duratura collaborazione con il Sistema bibliotecario del Vittoriese.

E’ per effetto, infatti, ad una stabile sinergia tra Comune, scuola, biblioteche (dove oltre al vasto patrimonio culturale è presente il Fondo speciale "Mostra internazionale d’illustrazione per l’infanzia" composto da testi anche in lingua straniera) ed anche esponenti della cultura locale, che già da qualche anno si sono avviate, con buoni risultati, pratiche condivise di promozione della lettura a diversi livelli costituendo per l’appunto una rete locale dedicata a questo scopo. Basti pensare per esempio ai progetti "Il Veneto Legge – Maratona di lettura", Biblioweek, Letture animate per bambini della scuola dell'infanzia e primaria, "Nati per Leggere", "Progetto Euklidea: crescere con le scienze".

Nell’ottica della crescita della formazione intellettuale, l’amministrazione del Comune di Sarmede, congiuntamente alla Fondazione Mostra, promuove e sostiene lo scambio interculturale tra giovani di Sarmede e di Giffoni Valle Piana. Durante il mese di luglio una delegazione di ragazzi dai 12 ai 16 anni residenti nel comune di Sarmede, che hanno aderito al progetto di educazione cinematografica "Ragazzi al cinemaaaaaa!", partecipa al Giffoni Film festival in qualità di giurati. I ragazzi di Giffoni arrivano a Sarmede per un week end durante il periodo autunnale per visitare la mostra internazionale dell’illustrazione per l’infanzia e ad alcune attività ad essa correlate. 

Leggere è sinonimo di accrescimento culturale, intellettivo ed etico, contribuisce alla formazione della persona e del suo pensiero rendendola libera di scegliere, valutare e realizzarsi in funzione delle proprie capacità. Proprio per questa ragione, la biblioteca deve diventare sempre più centro di aggregazione e luogo dedicato alla crescita culturale. Il sindaco Larry Pizzol e l’assessore alla cultura Damiano Gava rivolgono un ringraziamento particolare ai dipendenti degli uffici comunali, al Comitato di Biblioteca e a tutti i volontari che, lavorando con passione e dedizione, hanno portato Sarmede al raggiungimento di questo importante risultato.

(Fonte: Comune di Sarmede).
(Foto: it.freepik.com).
#Qdpnews.it

0
0
0
s2smodern

// Storie di Sport