Santa Lucia di Piave, Castellaz contro i gonfaloni di Szumski: "Trovata carnevalesca"

L’appello del sindaco di Santa Lucia di Piave Riccardo Szumski ad appendere ai balconi il gonfalone col Leone di San Marco ha già fatto discutere: Luca Castellaz (nella foto),  consigliere della lista di minoranza Vivere Bene a Santa Lucia, non l’ha mandata a dire al primo cittadino. "I numeri che emergono dalla questione 'vendita quote Asco Holding' inchiodano la maggioranza politica del nostro Comune – commenta Castellaz - ad una pesantissima responsabilità alla perdita plurimilionaria che si sta delineando".

Le perdita milionaria a cui Castellaz fa riferimento deriva da un post comparso sui social ad opera di un cittadino
il quale ha calcolato la resa che le quote Asco Holding, cedute dal Comune di Santa Lucia lo scorso agosto, le quali dovrebbero aver reso agli attuali intestatari circa 1,8 milioni di euro, sebbene non sia mai stato ufficializzato da alcuna fonte istituzionale.

“Nel frattempo - prosegue il consigliere - ignoti farabutti assaltano la nostra scuola primaria, inconcepibilmente sprovvista di impianto di allarme, saccheggiandola e mentre tutto ciò accade, fa sorridere l'ennesima singolare trovata 'indipendentista' del capo della maggioranza (Riccardo Szumski)”.

“Dopo gli inutili certificati 'venetisti' pensa seriamente di regalare bandiere di San Marco a destra e a manca - spiega ulteriormente - come fossero coriandoli (il periodo carnevalesco stimola tale metafora). Ricordo che l'attuale 'Mariga'  ('sindaco' in lingua veneta, titolo di cui si fregia spesso il primo cittadino santalucese ndr) – conclude Castellaz - ha giurato solennemente diverse volte, l'ultima solo una ventina di mesi or sono, sulla Costituzione della Repubblica Italiana. Carnevalescamente sorridiamo, dunque, concittadini”.

(Fonte: Thomas Zanchettin © Qdpnews.it).
(Foto: archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it

0
0
0
s2smodern

// Storie di Sport