Santa Lucia, ecofurbo identificato e sanzionato grazie alla segnalazione di un cittadino

Pensava forse di farla franca, ma ha dovuto fare i conti con gli occhi attenti di un altro cittadino che non ha esitato a inviare le testimonianze del suo gesto.

Residui di tagli di capelli e barba, un tubetto di tinta, alcuni scontrini fiscali (nella foto): è il “bottino” fotografato all’interno del cassonetto del cimitero di Sarano, smaltito illegalmente in un luogo non consono dall’ecofurbo in azione nei giorni scorsi. Il materiale ha però permesso presto di rintracciare il colpevole, prontamente sanzionato per il suo gesto d’inciviltà.

“Purtroppo da qualche anno la pratica dell’abbandono lungo i fossi e le siepi è in costante aumento oltre che da privati, anche da attività – spiega il sindaco di Santa Lucia Riccardo Szumski – Per fortuna talvolta si riesce anche con la collaborazione dei cittadini a scovare qualche furbetto”.

“Questa volta per fortuna si è riusciti a risalire al responsabile, a cui sarà comminata la dovuta sanzione proprio grazie ad un concittadino che ci ha personalmente inviato la testimonianza opportuna”, aggiunge il sindaco.

E la notizia arriva proprio nella settimana della giornata ecologica, in programma sabato 29 settembre dalle ore 8 alle ore 12.30. Organizzata dall’amministrazione comunale in collaborazione con le associazioni di Santa Lucia di Piave, la giornata sarà dedicata alla raccolta del materiale abbandonato lungo le principali vie del Comune. In caso di maltempo, la manifestazione di svolgerà sabato 6 ottobre.

(Fonte: Giada Fornasier © Qdpnews.it).
(Foto: Comune di Santa Lucia di Piave).
#Qdpnews.it

0
0
0
s2sdefault

// Storie di Sport