A Ca' del Poggio la conclusione di “Italia Football Talent”. Mister De Biasi: “Un’esperienza unica per i ragazzi”

Ieri sera, venerdì 15 novembre 2019, al ristorante & resort Ca’ del Poggio a San Pietro di Feletto si è tenuta la serata conclusiva con gli sponsor e appassionati che hanno sostenuto l’esperienza di “Italia Football Talent”: le due settimane tra Cortina e Covara all’insegna di sport, formazione e divertimento promossa dalla scuola calcio dell’allenatore Gianni De Biasi con il talent scout Otello Di Remigio.

Nel campus dedicato al calcio hanno partecipato ben 56 ragazzi dai 9 ai 16 anni, giovanissime promesse del pallone che per sette giorni hanno potuto sperimentare un’esperienza di sport e di vita che porteranno nel cuore per tanti anni.





Tra i giovani che hanno partecipato a questa esperienza anche Mauro Benedet, 12enne di Sernaglia della Battaglia, selezionato tra le diverse candidature del concorso “Vinci Italia Football Talent” promosso da mister De Biasi in collaborazione con il Quotidiano del Piave (qui l'articolo) 

“È stata un’estate veramente molto bella - ha dichiarato l’allenatore Gianni De Biasi - con queste due settimane, tra Cortina e Corvara, che ci hanno dato grandissima soddisfazione perché abbiamo visto i ragazzi molto contenti e le famiglie che hanno trovato i loro figli entusiasti alla fine dell’esperienza. Questa sera celebriamo e ringraziamo i nostri sponsor per aver fatto un pezzo di strada insieme a noi e anche per quello che faranno in futuro. La prossima stagione sarà decisamente molto più ampia e avremo un grande lavoro da fare”.

Mauro Benedet - aggiunge mister De Biasi - è stato sicuramente molto felice grazie a questa nostra iniziativa, organizzata insieme al Quotidiano del Piave, perché ha vissuto un’esperienza unica che ricorderà a lungo nella vita. Questo giovane ha delle buone qualità e credo che il prossimo anno sarà ancora con noi”.

I valori dello sport - conclude Gianni De Biasi - aiutano a vivere meglio la vita di tutti i giorni. Se tu ti fortifichi all’interno di un gruppo o di una squadra e hai dei sani principi e dei sani valori, lo sport ti aiuta a crescere e ti dà una grande mano dal punto di vista fisico, formativo e nella condivisione di una piccola realtà fatta da alcuni compagni che, insieme a te, perseguono un obiettivo. Si tratta di quello che poi nella vita devi fare se vuoi andare lontano”.

“Italia Football Talent - ha spiegato il talent scout Otello Di Remigio - è stata un’esperienza fantastica sia dal punto di vista calcistico che da quello umano. Abbiamo dei collaboratori e degli allenatori che sono con me da molti anni. Io da 18 anni faccio i camp: ho fatto quelli del Milan nel Nord Est e poi anche in Guatemala, Honduras, Costa Rica e Kuwait”.

“I due camp fatti con De Biasi - spiega Di Remigio - sono veramente una chicca, fatti veramente con grande qualità e i ragazzini hanno dimostrato un enorme entusiasmo durante le settimane. Sono sicuro che il prossimo anno faremo ulteriormente bene”.

(Fonte: Andrea Berton © Qdpnews.it).
(Foto e video: Qdpnews.it © Riproduzione riservata).
# Qdpnews.it

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies.