San Pietro di Feletto, trovato morto in un pozzo: si tratta di Angelo Miraval, ex assessore 79enne

E' di Angelo Miraval (nella foto)  il corpo senza vita trovato nel primo pomeriggio di oggi nella sua abitazione (nella foto sotto)  di via Salera a San Pietro di Feletto.

Da una prima ricostruzione sul posto, il 79enne Miraval sarebbe morto per un malore mentre stava stuccando il pozzo di una vasca di raccolta dell'acqua piovana, tuttavia sono ancora in corso i rilievi del caso. Si tratterebbe, ad ogni modo, di un tragico incidente domestico.

Con un passato lavorativo alle industrie Zoppas di Conegliano e in Svizzera, Miraval era stato dipendente del Comune di San Pietro di Feletto fino al 1995, anno della pensione, ed era molto conosciuto in paese, perché molto attivo nell'ambito del sociale e della politica.

Dal 1999 e al 2003, infatti, era stato consigliere di maggioranza, mentre dal 2004 al 2014 aveva ricoperto la carica di assessore.

San Pietro Angelo Miraval casa
Angelo Miraval era impegnato poi nella promozione della donazione del sangue: è stato capogruppo della sezione dell'Avis di San Pietro di Feletto e consigliere regionale della sezione di Conegliano. Faceva parte, inoltre, del gruppo alpini locale.

Anche il figlio Jack è molto noto nella comunità
: è infatti presidente del gruppo Amici dell'Antica Pieve di San Pietro di Feletto ed è titolare della cantina "i Bamboi" di via Brandolini. "Mio padre è stato un uomo che ha aiutato il mondo intero", si è limitato a dire Jack Miraval, ancora scosso per l'accaduto.

Sul posto, per conoscere i contorni della tragedia, si è recato l'assessore Benedetto De Pizzol, che ha condiviso il lavoro in giunta con Miraval dal 2009 al 2014, nella prima amministrazione guidata dal sindaco Loris Dalto, che poco dopo ha raggiunto De Pizzol in via Salera, per consolare la famiglia colpita dalla tragedia.

(Fonte: Arianna Ceschin © Qdpnews.it).
(Foto: Sezione alpini di Conegliano).
#Qdpnews.it

0
0
0
s2smodern

// Storie di Sport