San Fior, domani il grande giorno dell'inaugurazione del sottopasso e del Centro giovani

Doppia inaugurazione a San Fior domani, sabato 23 febbraio, a partire dalle ore 14: verrà presentato il sottopasso lungo la strada statale 13 Pontebbana, vicino al municipio, con le opere di street art realizzate dai partecipanti ai laboratori, per poi lasciare spazio al taglio del nastro nella nuova sede del Centro giovani, all'interno del municipio stesso (nella foto).

Una giornata con l'intento di celebrare l'impegno di mesi di lavoro per creare uno spazio di aggregazione nella realtà cittadina e dare merito ai ragazzi impegnati nel progetto dedicato alla street art e nella partecipazione al Centro giovani.  Soddisfazione anche per l'assessore Luigi Tonetto, con delega all'Associazionismo, che ha seguito entrambe le iniziative: "Lo scorso anno il Centro giovani si trovava in una sala appartenente alla nostra parrocchia, per poi trasferirsi in municipio. Nel frattempo, alcuni giovani hanno seguito dei corsi di street art".  

"Prima si è volta una parte teorica, al fine di spiegare a questi giovani come la street art non abbia nulla a che vedere con l'imbrattamento dei muri. - ha spiegato Tonetto - Una parte teorica a cui è seguita una pratica, durante la quale i giovani si sono esercitato su dei pannelli di prova, prima di mettersi all'opera direttamente nel sottopasso". 

"Il nostro obiettivo è stato quello di creare un ambiente piacevole per i ragazzi, grazie al supporto di un operatore. - ha aggiunto l'assessore - Vogliamo recuperare anche i ragazzi borderline, con il coinvolgimento di persone competenti, capaci di fornire loro delle risposte". 

"Eravamo preoccupati che qualcuno potesse rovinare quanto è stato realizzato nel sottopasso - ha ammesso Tonetto - ma fortunatamente ciò non è avvenuto. Penso che l'opera del Centro giovani e il progetto del sottopasso stesso siano strettamente collegati tra loro: ci sono ragazzi che soffrono delle problematiche presenti in famiglia e il nostro compito è quello di creare sostegno a questi giovani". 

"Vorrei chiarire come la cerimonia non sia dettata dalla volontà di metterci in mostra - ha puntualizzato l'assessore - ma abbiamo pensato fosse giusto dare soddisfazione ai ragazzi. Cerchiamo di fare il nostro meglio".

(Fonte: Arianna Ceschin © Qdpnews.it).
(Foto: Archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it

0
0
0
s2sdefault

// Storie di Sport