Revine Lago, Il sindaco Magagnin: “Nessun aumento delle indennità rispetto all’amministrazione precedente”

Il sindaco Massimo Magagnin, eletto lo scorso maggio a primo cittadino del comune di Revine Lago non ci sta e attraverso la nostra testata si rivolge direttamente ai suoi cittadini: “Le notizie apparse in questi giorni sui social, con le quali sono stato accusato di aver aumentato la mia indennità e quella dei miei assessori, non corrisponde alla realtà”.

Il primo cittadino di Revine Lago, a supporto delle sue affermazioni, cita due delibere di giunta; la numero 90 del 22/09/2014 che fissava in euro 1.756,99 i compensi del sindaco Michela Coan e dei suoi assessori, che paragona alla delibera numero 70 del 10/07/2019, con la quale la sua giunta fissa gli stessi compensi a euro 1.529,23, cioè 227,76 euro in meno.

Magagnin prosegue: “L'ex Sindaco Michela Coan aveva rinunciato all'indennità per l'intera durata del suo mandato, mentre Boris Bottega e Doris Carlet l’hanno sempre percepita. Questo particolare ha portato qualcuno a speculare, attribuendo alcuni tagli previsti nel Dup (Documento Unico di Programmazione) approvato il 31 luglio 2019 in consiglio comunale, all’indennità di sindaco alla quale non rinuncerò”.

Il sindaco poi ci tiene ad assicurare: “Quello del sociale è un tema che ci sta molto a cuore, anche perché le situazioni delicate a carico del Comune sono in continuo aumento. È nostra intenzione erogare un sevizio migliore ai nostri cittadini, tanto che stiamo già valutando un'unione del nostro ufficio servizi sociali con quello del Comune di Vittorio Veneto in modo da poter trattare ogni singolo caso con la massima specificità e competenza".

Magagnin, infine conclude: “A fine novembre di ogni anno si approva il bilancio previsionale triennale, che riporta cifre e dettagli nello specifico. Allora tutti vedranno che i paventati tagli al sociale sono pura fantasia”.

(Fonte: Giancarlo De Luca © Qdpnews.it).
(Foto: archivio Qdpnews.it)
#Qdpnews.it

// Storie di Sport