Finalmente una sede per il gruppo alpini di Revine, sala in uso gratuito dal Comune: ripagheranno con il volontariato

A Revine, in Corte don Cumano adiacente all’ufficio dei servizi demografici, esiste una stanza adibita a finalità di pubblica utilità. Generalmente ad usufruirne sono gli anziani ed ai giovani del Comune, per riunioni e attività aggregative. Lo stesso locale viene utilizzato gratuitamente anche per l’assistenza ai cittadini da parte dei Patronati Sindacali e da parte di Savno per la consegna dei sacchetti per l’immondizia. La giunta del sindaco Michela Coan, ha deciso con l’inizio del 2019 di dare agli stessi locali anche un’altra finalità.

E’ stata infatti accettata la richiesta del Gruppo Alpini di Revine, di poter utilizzare gratuitamente tale stanza per le attività dell’associazione in alcuni giorni e ad orari prestabiliti. Le Penne Nere revinesi, hanno inoltre chiesto ed ottenuto di poter installare un pennone di altezza massima 6 metri, da usare nelle manifestazioni istituzionali.

Il pennone verrà installato in vicinanza delle scale di accesso alla stanza. E gli alpini come pagheranno? Semplicemente facendo quelle che riesce loro meglio, cioè attività di volontariato. La delibera di giunta ha fissato nero su bianco che gli alpini dovranno impegnarsi in “servizi da rendere in favore del Comune tra cui la promozione di attività ricreative in favore degli anziani”. Rimane sottointeso che le altre attività per le quali la stanza veniva fin qui usufruita continueranno, anche perché l’uso al gruppo alpini è concesso in giorni ed orari prestabiliti.

(Fonte: Giancarlo De Luca © Qdpnews.it).
(Foto: archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport