Revine Lago si conferma comune “ambientalista” e sceglie il pirodiserbo

Lo dice la stessa etimologia della parola. “Piro” deriva dal greco “fuoco”, pertanto il pirodiserbo non è altro che l’eliminazione di piante infestanti e nocive dai terreni e da qualsiasi altra superficie mediante l’ausilio del fuoco. Questa è la strada scelta dal comune di Revine Lago per risolvere l’annoso problema delle erbacce da estirpare da marciapiedi, scalinate e immobili pubblici.

Dopo aver bandito per regolamento qualsiasi diserbo chimico nel territorio comunale, la giunta del sindaco Michela Coan ha deciso di passare al pirodiserbo e per farlo ha dotato gli operatori ecologici di un macchinario dal costo di 950 euro più Iva.

Si tratta di un piccolo “lanciafiamme” (nella foto) collegato ad una bombola da 30 chilogrammi di gas, con tre augelli dai quali esce il fuoco destinato a far appassire e quindi estirpare le erbacce.

E’ l’assessore di Revine Lago Boris Bottega, che con l’operatore ecologico del Comune ha testato il nuovo macchinario, a spiegare pregi e difetti del nuovo sistema.

“La scelta del pirodiserbo è in linea con la vocazione ecologica e di rispetto all’ambiente che abbiamo voluto dare al Comune”, spiega Bottega che aggiunge: “Abbiamo provato il nuovo macchinario al parcheggio del centro polifunzionale e si è dimostrato efficace. Nel giro di pochi giorni le erbacce appassiscono, si seccano fino a morire. L’unica controindicazione sono i tempi visto che in due, io a spingere il carrello e l’operatore ecologico con il lanciafiamme, in un’ora abbiamo bonificato un tratto di 200 metri”.

Tempistica a parte il nuovo sistema ha dunque superato la cosiddetta, il gioco di parole è d’obbligo, “prova del fuoco”.

Il suo impiego permetterà di realizzare una pulizia ecologica del territorio senza che a farlo siano gli amministratori e i volontari delle associazioni del comune, come avvenuto negli ultimi mesi per non ricorrere al diserbo chimico.

(Fonte: Giancarlo De Luca © Qdpnews.it).
(Foto: Qdpnews.it ® riproduzione riservata).
#Qdpnews.it

0
0
0
s2smodern

// Storie di Sport