Yoga e danze popolari alle elementari di Refrontolo, cinque classi a scuola di gratitudine

E' ripartito martedì 22 gennaio scorso il progetto di yoga educativo rivolto agli 85 alunni, di tutte le cinque classi della scuola primaria di Refrontolo. Anche quest’anno l’associazione culturale "Arcobaleno" finanzierà in toto questo percorso, organizzato in collaborazione con l’Asd Yoga Educativo di Treviso, che avrà come filo conduttore la gratitudine, come valore ed atteggiamento fondante le relazioni umane individuali e comunitarie.

Gli alunni attraverso i 12 incontri settimanali di yoga avranno occasioni per fermarsi, respirare e ritrovare quella calma e serenità necessarie per apprendere e per cogliere l’importanza della scuola come ambiente educativo, dove imparare ad utilizzare strumenti per leggere e rielaborare in modo critico e libero le informazioni.

Inoltre i bambini saranno guidati all’ascolto interiore e al riconoscimento di alcune emozioni e delle loro principali manifestazioni, ed attraverso esercizi e tecniche sperimenteranno l’accettazione dell’altro nella sua individualità e diversità, come presupposto indispensabile per realizzare un progetto comune. 

La metodologia usata da Massimo Comunello, esperto psicopedagogista dell’Università di Padova e da Lida Georgantjeli, dell'Università Ca’ Foscari di Venezia fa riferimento ad un ambiente interattivo di parità che non prevede la figura dell’esperto o di un adulto in posizione superiore e distaccata rispetto ai partecipanti al gruppo; ciò per permettere di migliorare le strategie di apprendimento, dove l’imparare non è il memorizzare, ma anche e soprattutto il comprendere.

Nella scuola primaria di Refrontolo si è già concluso anche l’altro significativo progetto "Un mondo di danze",  realizzato in collaborazione con gli esperti dell'Università degli Adulti di Pieve di Soligo e che ha coinvolto gli alunni in danze popolari di cui hanno dato prova davanti a famiglie, amici ed autorità in occasione dello scambio di auguri natalizi il 20 dicembre scorso. Anche questa è stata un’occasione preziosa offerta ai bambini per interagire con il mondo adulto che attraverso la danza ha trasmesso loro i valori della musica e del ritmo, ma soprattutto della gioia dello stare insieme, e del mettersi gratuitamente a servizio della comunità.

(Fonte e foto: scuola primaria di Refrontolo).
#Qdpnews.it

// Storie di Sport