A Refrontolo la vendemmia diventa virtuale per raccontarsi al mondo con la realtà aumentata

Tecnologie innovative per raccontare una pratica antica. È una vendemmia speciale quella che si sta svolgendo in questi giorni nella tenuta Astoria a Refrontolo. Tra i filari di Glera sono comparse piccole e potenti videocamere per la Virtual Reality. Si tratta di telecamere con 6 obiettivi per riprese a 360°, come siamo abituati a vedere su Google Street View, con la differenza che il risultato non sono foto statiche, ma video.

"Raccontare il vino è sempre più importante per far comprendere le caratteristiche del Prosecco, soprattutto il valore aggiunto della Docg con la vendemmia manuale - spiega Carlotta Polegato, responsabile marketing e comunicazione Astoria Wines - Grazie a queste immagini verrà realizzato un 'racconto' da mostrare attraverso i visori per la realtà virtuale, in cui i visitatori avranno la sensazione di muoversi tra le persone che stanno vendemmiando e, a seguire, tra i tecnici della cantina, gli imbottigliatori, fino all’enologo che spiega come degustare il vino. In questo modo porteremo la vendemmia nelle fiere, negli incontri, tra i nostri clienti di tutto il mondo".

"Non solo - aggiunge Polegato - Le riprese serviranno anche realizzare dei video per la realtà aumentata: i visitatori che arrivano a Refrontolo, fissando determinati punti nel vigneto o nella barricaia, vedranno sovrapporsi all’immagine reale quelle integrate della vendemmia o dei nostri tecnici che spiegano le varie fasi di lavorazione del vino. I turisti enogastronomici sono un valore aggiunto per il nostro territorio, vogliamo fargli vivere un’esperienza il più possibile completa anche se arrivano in inverno o in primavera".

(Fonte e foto: Astoria Wines).
#Qdpnews.it

0
0
0
s2sdefault

// Storie di Sport