Vittorio Veneto, multe e rimozioni, carri attrezzi all'opera per la sagra di Santa Augusta contro i parcheggi abusivi

Refrontolo, festa di fine estate con “Troviamoci in piazza”. Lorenzon: “Continueremo l’iniziativa anche in futuro”

Pieve di Soligo, sbanda con l'auto e finisce nella scarpata, tre feriti lievi sulla provinciale a Solighetto

Conegliano, a settembre riprendono le trattative per l'acquisto del Méliès. Chies: "Fiduciosi in una soluzione entro l'autunno"

Vittorio Veneto, lutto per la scomparsa di Renzo Busatto, fondatore dell'associazione "12 Ponti"

Valdobbiadene, tutto pronto per l'edizione 2019 del "Tour Terre Amiche". "Abbraccio Unesco" con la Costiera Amalfitana

Farra di Soligo, una vittoria tira l’altra: l’agosto d’oro del campione italiano di ciclocross master 7 Michele Feltre

Editoria, audiovisivi con brio sull'onda del digitale

Valdobbiadene, Savno ripulisce la casetta della differenziata a Pianezze. Il sindaco: “I colpevoli saranno sanzionati”

Cison di Valmarino, curiosità e interesse per il gioco della dama. Artigianato Vivo riscopre una tradizione millenaria

Escursionista cinquantenne di Vittorio Veneto “imbarcata” con verricello dal soccorso alpino a Domegge di Cadore

Samuele Longo lascia l'Inter per il Deportivo La Coruña , ieri la firma del giocatore. Obiettivo promozione nella Liga

Cordoglio nel mondo del ciclismo per la scomparsa di Felice Gimondi. Il ricordo di Tommaso De Prà: "Un bravo capitano"

Come prevenire l'obesità infantile

Veneto, assunzione medici senza specialità. I medici di famiglia del Veneto a fianco della Federazione degli Ordini

Treviso, rinnovato il contratto di lavoro area metalmeccanica: nella Marca interessate 2.500 imprese e 13.500 lavoratori artigiani

Cybercrime, la sanità il settore più colpito in Italia

Segusino, lieto fine per il cane abbandonato sotto il ponte di Vas: affidato alle cure dei volontari del canile di Belluno

Treviso, Mom premia chi si abbona con lo smartphone, in arrivo 8 nuovi bus, investimento da 2,2 milioni

Stagione dei funghi al via, all'Ulss 2 controlli gratuiti e micologi a disposizione per ogni chiarimento

Trionfo Zalf al 19esimo Trofeo Città di Conegliano Memorial Sanson, si impone Marco Landi con un poderoso allungo finale

Barbaria, in malga con Qdpnews.it: l’alpeggio sul Cesen vive ancora tra un po’ di poesia e tanta dedizione

Valdobbiadene, l'istituto “Dieffe” presente al Meeting di Rimini per far conoscere il nuovo marchio: “Prodotti di classe”

Conegliano, domani al centro commerciale Conè arriva l'Adventure Park: divertimento garantito fino al 1° settembre

Vidor, pasta alla “Gioele” per festeggiare il ferragosto a Casa Maria Adelaide. Importante contributo dei volontari della Pro Loco

Contributi ai Comuni per la sostenibilità

Farra di Soligo, il circo “Soluna” incanta il pubblico dell’Alta Marca Trevigiana. Rapiti dalla comunità viaggiante più ecologica al mondo

Revine Lago, Il sindaco Magagnin: “Nessun aumento delle indennità rispetto all’amministrazione precedente”

Conegliano, entro metà settembre un nuovo maxi gioco al parco intitolato ad "Arturo Benedetti Michelangeli"

Miane, il Comune lancia un’indagine di mercato per la gestione del nuovo palazzetto dello sport

A pochi chilometri dal centro di Vittorio Veneto, salendo da Sant’Andrea si arriva ai quattrocento metri della località di Piadera.

Amena frazione collinare tra Vittorio Veneto e Fregona, è un'autentica terrazza  sulla città “della Vittoria”.

Le Grotte del Caglieron sono appena alle spalle e da lassù si gode una vista mozzafiato che spazia dal monte Baldo al santuario di Sant’Augusta, senza trascurare il Visentin, fino al rifugio Città di Vittorio Veneto sul Pizzoc, che sembra di poterlo toccare con una mano.

In questo angolo di paradiso si è ritirato Marzio Bruseghin (al centro nella foto).

Quarantaquattro anni, un fisico perfetto, Bruseghin è stato per 16 anni un ciclista professionista dal palmares invidiabile.

Specialista delle cronometro, la fatica non lo ha mai spaventato tanto che, ritiratosi dalle corse, ha scelto di fare il contadino.

La sua azienda agricola San Maman (nome tratto dalla vicina piccola chiesa di San Maman, protettore delle nutrici bisognose di latte) si sviluppa su 20 ettari di terreno, di cui 6 coltivati a vigneto di uva Glera.

Si tratta di uno tra i più alti - se non il più alto - vigneti dell’intera denominazione del prosecco doc, dal quale Bruseghin trae un ottimo vino al quale ha dato il nome “Amets”, che in basco significa sogno.

Il suo prosecco viene esportato in Norvegia, Inghilterra, Germania, Polonia e persino in Giappone.

Il segreto con il quale, senza dimenticare il mercato italiano, ha conquistato il mercato internazionale è il biologico.

Sì, perchè lassù in Piadera la contaminazione non esiste e fare biologico, oltre a essere una scelta di vita, diventa un obbligo.

I suoi celebri asini usati per gli sfalci tra i vigneti, negli anni sono arrivati al numero di 29 e durante l’intervista si fanno sentire, quasi volessero dire qualcosa anche loro.

Affabile e preparato, con Marzio Bruseghin una chiacchierata non diventa mai banale, offrendo un sacco di spunti interessanti.

Senza peli sulla lingua ha il coraggio di affermare che “se un centesimo su ogni bottiglia di prosecco venduta fosse investito sul territorio, si potrebbero fare grandi cose e sarebbe un modo per condividere la ricchezza anche con chi i vigneti non li ha”.

La visita si conclude davanti a un buon bicchiere di prosecco, con il rammarico per un temporale estivo che, parola di Bruseghin, "ci ha privato di un tramonto dai colori indimenticabili".

In fondo Marzio Bruseghin è questo, un uomo semplice, legato alla terra e ai suoi ritmi.

Alla domanda se per 16 anni sia stato un contadino prestato alla bicicletta, non si offende e rilancia: “Spero siano di più gli anni che mi restano da fare il contadino di quelli che ho fatto il ciclista.”

(Fonte: Giancarlo De Luca © Qdpnews.it).
(Foto e video: Qdpnews.it ® riproduzione riservata).
#Qdpnews.it

beninformati title