Da Pieve di Soligo a Częstochowa in 5 giorni. L’avventura di tre ciclisti pievigini sulle orme dell’avventuriero “Gino”

Forti motivazioni ed esempi importanti possono aiutare le persone a raggiungere risultati impensabili, andando oltre i propri limiti.

È quello che è successo a 3 amici (Pierangelo, Livio e Giuseppe) che, insieme alle rispettive mogli, hanno raggiunto in 5 giorni la città polacca di Częstochowa partendo in sella alle loro biciclette da Pieve di Soligo.

I tre uomini hanno voluto seguire le orme dell’avventuriero “Gino” che, ormai diversi anni fa, è partito con la sua “due ruote” da Barbisano per la prima “Giornata mondiale della gioventù”, ideata da papa Giovanni Paolo II proprio a Częstochowa, il 14 e il 15 agosto del 1991.

La scelta della città polacca di Częstochowa ebbe un forte valore simbolico: si trattava della sede di un grande santuario mariano, a cui anche papa Wojtyla era molto devoto. La città, inoltre, si trova in Polonia, terra natale dello stesso pontefice e nazione appena uscita dall'orbita del decaduto regime sovietico.

Un sogno realizzato dai tre avventurieri che, con le loro consorti, dopo aver individuato i percorsi ed essersi fissati una media di 200 chilometri al giorno, sono partiti da Pieve di Soligo domenica scorsa, 11 agosto 2019, e hanno raggiunto la loro meta due giorni fa, venerdì 16 agosto 2019.

Tanta fatica che ha ripagato gli sforzi compiuti regalando ricordi e soddisfazioni indimenticabili.

Non ancora soddisfatti per l’impresa realizzata, i ciclisti di Pieve di Soligo hanno annunciato di essere già pronti per un nuovo viaggio da fare l’anno prossimo.

(Fonte: Andrea Berton © Qdpnews.it).
(Foto per gentile concessione di Daniela Bolzan).
#Qdpnews.it

// Storie di Sport