Mazzocco, Menegon e Soldan: tre i nomi a contendersi la carica di sindaco di Pieve di Soligo

Corsa a tre per la carica di sindaco di Pieve di Soligo. Dopo la rottura definitiva, annunciata alla fine della settimana appena trascorsa (qui l'articolo), tra il sindaco 42enne Stefano Soldan e l’assessore 62enne Roberto Menegon, si è delineata la forma che assumerà la competizione elettorale pievigina in vista del prossimo 26 maggio.

Tre i corridori sulla linea di partenza. Il sindaco Soldan intende proseguire il proprio mandato per altri cinque anni, anche se per il momento mantiene il riserbo sulla composizione della sua lista. Ciò che si sa è che sarà libera da simboli di partito, mentre rimane il punto di domanda per quanto riguarda il nome, dato che quello di Vivere Pieve, la lista che ha sostenuto finora il primo cittadino, è stato rivendicato per diritto di proprietà dall’assessore Menegon.

Quest’ultimo non solo ha reclamato il nome dell’associazione da lui fondata vent’anni fa, ma anche accusato Soldan di aver tradito i principi fondanti del gruppo e per tale ragione sarà proprio Menegon a candidarsi a guida del paese sotto le insegne di Vivere Pieve. Pure in tal caso la lista sarà libera da accordi di partito e, da quanto appreso finora, sarà composta da persone provenienti soprattutto dal mondo dell’associazionismo.

L’alleanza tra Forza Italia e Lega sosterrà invece il nome di Silvia Mazzocco, avvocato 47enne, con i loro simboli presenti all’interno della lista “Mazzocco sindaco”. La squadra dovrebbe essere ormai pronta e ne farebbero parte soprattutto giovani, affiancati da alcune figure con maggiore esperienza amministrativa.

Il Movimento cinque stelle, infine, ha comunicato che non presenterà nessun candidato a Pieve di Soligo.

(Nella foto, da sinistra: Silvia Mazzocco, Roberto Menegon e Stefano Soldan)

(Fonte: Edoardo Munari © Qdpnews.it).
(Foto: Qdpnews.it ® riproduzione riservata).
#Qdpnews.it

0
0
0
s2smodern

// Storie di Sport