Giovedì a Pieve di Soligo l'addio a Stefano "Nino" Busetto: lascia un ricordo speciale in tutta la comunità

Si terrà giovedì 6 dicembre, alle ore 15, nel duomo di Pieve di Soligo, il funerale di Stefano Busetto (nella foto),  31enne molto conosciuto in paese per il suo grande impegno in patronato e a favore della comunità e dei giovani in particolare. Il corteo partirà dall'ospedale civile di Conegliano, alle ore 14.30. "Ringraziamo tutti coloro che vorranno rendergli omaggio con una preghiera, un pensiero, un ricordo",  hanno scritto i parenti nell'epigrafe.

Nonostante l'incidente che nel 2009 lo aveva costretto in carrozzina e a letto, Nino, così lo conoscevano tutti, non aveva mai perso al voglia di vivere e di darsi da fare. "Fu con lui che avviammo le prime attività ricreative in oratorio - ripercorre don Giuseppe Nadal, parroco di Pieve di Soligo - In passato è stato anche presidente del Circolo Noi, associazione interna al patronato, carica che dopo l'incidente ha mantenuto a titolo onorario. Dal giorno dell'incidente, nonostante la sua condizione, attraverso la tecnologia, messaggi Whatsapp e quant'altro si è sempre mosso ugualmente per portare avanti le sue attività. La mamma gli dava una mano ed era diventata, diciamo, la sua segretaria".

Stefano nel tempo si era fatto promotore di numerose iniziative, che a partire dal 2005 aveva riunito nel sito PlayPieve. Si ricordano in particolare i numerosi tornei sportivi, come la sfida calcistica tra le due contrade del paese, Contà e Trevisan. Impegni che nonostante il sopraggiungere dell'immobilità non aveva mai abbandonato. Una tenacia per la quale, nel 2015, venne insignito anche del Premio Civilitas.

"Era commomente vedere come, nonostante la sua condizione, fosse sempre il primo a mettersi al servizio degli altri. Per rendersi utile sapeva arrivare anche all'estremo - ricorda don Giuseppe - Prima dell'incidente faceva il panettiere, si alzava all'alba, ed il pomeriggio passava in patronato per organizzare le attività. Era una persona straordinaria e generosissima, un esempio, amava la vita nonostante le poche forze a disposizione".

Don giuseppe racconta un aneddoto: "Era autunno ed il piazzale del patronato era coperto di foglie. Così si fece applicare sulla carrozzina un soffiatore e ci pensò lui. Voleva essere d'esempio, per dire ai giovani che se ce la faceva lui tutti potevano dare qualcosa in più".

"Oggi è un giorno triste per noi e per tutta la comunità di Pieve di Soligo - è stato il messaggio diramato dall'associazione Cinema Careni, che gestisce il cinema-teatro parrocchiale - Il nostro amico Stefano Busetto ci ha lasciati, ci stringiamo attorno ai genitori e a Silvia che dall'Australia continua a essere parte attiva dell'associazione. Ognuno di noi ha nel suo cuore un ricordo speciale di Stefano, ha fatto davvero tanto per tutti noi. Oggi lasciamo scorrere le lacrime, domani troviamo un modo per salutarlo e ricordarlo come merita. Che il viaggio ti sia lieve, Nino".

A piangere Nino, oltre ad un'intera comunità, la mamma Annalisa ed il papà Guido, che l'hanno sempre accudito amorevolmente dal giorno dell'incidente, attrezzando appositamente anche la loro casa, la sorella Silvia e la nonna Angela.

"Ne siamo certi, da lassù farai quello che hai sempre fatto in vita. Ci seguirai con l'amore di un angelo custode: delicato, forte e sempre presente", si legge nell'epigrafe, dove la famiglia ha sottolinato di preferire opere di bene. In attesa dell'ultimo saluto, a cui parteciperanno anche i vari cappellani che si sono succeduti nel tempo in paese, il rosario, sempre in duomo, si terrà domani sera, mercoledì 5 dicembre, alle ore 19.

(Fonte: redazione Qdpnews.it).
(Foto: Facebook).
#Qdpnews.it

0
0
0
s2smodern