Pederobba, percorso di valorizzazione per l'oasi Lipu "Garzaia". Maggio: "Una risorsa naturalistica straordinaria"

Stanno per riaprire le scuole e il Comune di Pederobba sta pensando a nuove iniziative per coinvolgere i giovani del territorio in percorsi di sensibilizzazione verso argomenti importanti e attuali come l'ecosostenibilità e la tutela dell’ambiente.

Il territorio di Pederobba, paese ai piedi del Monfenera e vicino al fiume Piave, può vantare alcuni siti naturalistici di assoluto pregio che vengono valorizzati anche grazie ad associazioni e gruppi di volontari che si impegnano ogni giorno per difendere l’unicità di questi luoghi che accolgono molte specie animali e vegetali che in essi trovano le migliori condizioni per insediarsi con continuità.

Tra questi siti si distingue l’oasi “Garzaia” di Pederobba che, considerando le condizioni favorevoli per la riproduzione di alcuni animali, ospita numerose specie di uccelli che costituiscono un ottimo esempio di sviluppo della biodiversità nell'Alta Marca Trevigiana.

L’area viene gestita dalla Lipu trevigiana che si occupa di valorizzare e promuovere l’oasi grazie ad iniziative che vedono come protagonisti tanti giovani studenti del territorio.

“La collaborazione con l’associazione Lipu trevigiana - ha spiegato Fabio Maggio, assessore all'ambiente del Comune di Pederobba - è per noi una piacevole consuetudine da ormai qualche anno. Da un po' di tempo, infatti, è stata affidata ai volontari dell'associazione la gestione dell'oasi “Garzaia” di Pederobba. Una risorsa naturalistica straordinaria a livello territoriale che viene visitata ogni anno da centinaia di persone, soprattutto da tanti ragazzi delle scuole che possono conoscere la flora e la fauna delle nostre zone. Questo ecosistema, soprattutto in un momento di grande sensibilità verso l’ambiente, deve essere valorizzato”.

“È evidente - conclude l’assessore Maggio - che per l'amministrazione comunale di Pederobba rappresenti un dovere e una missione valorizzare e promuovere l'oasi Lipu “Garzaia”. Dal punto di vista ambientale si tratta per noi di una priorità. Cercheremo sicuramente di farla crescere e di farla conoscere ancora di più, anche attraverso il percorso di riconoscimento “Biosfera Unesco” che stiamo portando avanti insieme a tutto il massiccio del Grappa”.

(Fonte: Andrea Berton © Qdpnews.it).
(Foto: Qdpnews.it © riproduzione risevata).
#Qdpnews.it

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies.