Pederobba, in finanziaria 40 milioni per il nuovo ponte di Vidor. Baratto (Fi): ora più nessuna scusa

Lo aveva promesso, dopo aver scritto al ministro Toninelli e aver condotto per anni da amministratore locale la battaglia per ottenere il nuovo ponte di Vidor, e l’ha fatto. Raffaele Baratto, sindaco di Pederobba per dieci anni ed ora parlamentare, ieri ha presentato come primo firmatario un emendamento alla legge di bilancio in votazione alla Camera che prevede lo stanziamento di 40 milioni di euro per il 2019 per il Ponte di Vidor.

"Era un impegno che mi ero preso con il mio territorio e con tanti amministratori locali che da anni si battono con me affinché questo territorio abbia un’opera di cui ha bisogno e che merita - afferma l'onorevole di Forza Italia - Tutti, dai Comuni alla Regione alla Provincia, sono d’accordo sulla necessità del nuovo viadotto sul Piave. L’ho detto più volte, è impensabile stravolgere la viabilità di quello attuale con interventi di manutenzione senza avere una via alternativa. I paesi rivieraschi verrebbero soffocati dal traffico".

"Il ponte attuale - continua Baratto - è inadatto alla viabilità che transita su di esso, oltre 25 mila veicoli, tra cui un terzo pesanti, che passano per i centri abitati sono troppi. L’intervento è sempre stato urgente, ma al di là delle parole, finora i soldi non sono mai arrivati".

Ora, però, la proposta c’è: 40 milioni di euro da stanziare votando un emendamento alla legge di bilancio. "La copertura c’è", afferma il parlamentare di Pederobba che lancia un appello a tutti i parlamentari trevigiani: "Ora basta solo sottoscriverlo e votarlo: il ponte di Vidor è un’opera strategica per tutto il trevigiano. Non ci sono più scuse, lo dobbiamo ai nostri cittadini".

(Fonte: redazione Qdpnews.it).
(Foto: archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it

0
0
0
s2smodern