Mareno di Piave: colpito da un malore 51enne sbanda e si schianta contro un albero: inutile ogni soccorso

Un tragico incidente è avvenuito  questa  mattina, sabato 16 marzo, poco prima delle 10.30: in via della Vittoria a Soffratta, principale arteria di collegamento con il capoluogo, un’auto si è schiantata contro un albero posto sulla carreggiata opposta. Inutili i soccorsi, giunti dai residenti già allarmati dal boato: per il conducente, Giuseppe Ippolito di 51 anni, di Vazzola, non c’è stato nulla da fare. L’incidente ha da subito richiamato l’attenzione dei residenti: testimoni diretti della scena riferiscono di aver sentito dapprima un forte rumore meccanico, poi uno stridere di pneumatici ed infine un boato.

Gii stessi automobilisti, che proseguivano dietro al veicolo, hanno confermato la versione sulla quale stanno conducendo gli accertamenti gli agenti della Polstrada di Vittorio Veneto arrivati per i rilievi: il conducente, non avendo rallentato in prossimità del dosso, ha sobbalzato e lentamente perso il controllo dell’auto, che ha curvato via via verso sinistra schiantandosi contro l’albero. I residenti, i quali hanno immediatamente avvertito le unità del Suem, si sono inoltre prestati per i primi accertamenti sulle condizioni del conducente, trovato in preda molto probabilmente ad un attacco cardiaco, con forti spasmi e una salivazione bavosa alla quale sono seguiti tre spasmi di minor intensità fino alla perdita dei sensi. 

incidente mareno morto copy

All’arrivo degli operatori sanitari, vista la situazione critica, è stata allarmata anche l’eliambulanza, ma nonostante i tentativi di rianimazione, il conducente è morto senza più riprendere conoscenza e non è rimasto altro che constatarne il decesso;  Giuseppe Ippolito viveva a Vazzola, con la compagna e i due figli di lei. Da molti anni nella Marca era operaio alla Tmc Padovan di Vittorio VenetoAll’origine dell’incidente, secondo le prime ricostruzioni della Polizia stradale  accorsa assieme ad un’unità dei Vigili del Fuoco, ci sarebbe un malore: gli automobilisti hanno infatti testimoniato che  non stava viaggiando a velocità sostenuta.

A seguito dei rilievi e del recupero della salma, il soccorso stradale ha proceduto alla rimozione del veicolo e allo sgombero del tratto dai detriti: i rallentamenti alla viabilità, fortunatamente non sostenuta, sono stati diretti dai vigili del fuoco e non si sono verificate ulteriori situazioni di disagio.

(Fonte: Thomas Zanchettin © Qdpnews.it)
(Foto: Qdpnews.it ® Riproduzione riservata).
#Qdpnews.it

0
0
0
s2sdefault

// Storie di Sport