Mareno di Piave fra i Comuni a credito dallo Stato, Cattai: "Cifre importanti, è tempo di restituirli"

L’eterna lotta fra Stato e piccoli comuni sembra non avere fine: i 23 milioni di euro destinati ai Comuni della Marca Trevigiana, fra cui anche Mareno di Piave, continuano a non arrivare nonostante l’ultima sentenza del Consiglio di Stato a cui essi si sono rivolti pur di vedere restituiti quei contributi tanto importanti.

"La questione risale al 2015 – spiega il sindaco Gianpietro Cattai (nella foto) – in parole povere si tratta di risorse e trasferimenti destinati ai Comuni che non sono mai arrivati. I 44 comuni della provincia di Treviso, che hanno provveduto a fare causa al Governo, hanno vinto in tutti i gradi di giudizio".

Vittorie che non hanno ancora smosso alcunché, visto che lo stesso governo non ha trasferito ad alcun Comune nessun contributo: 23 milioni comprensivi, e ben 466 mila 882 euro per il solo Comune di Mareno.

"È una cifra molto importante - prosegue Cattai – e la potremmo investire in opere pubbliche. Ovviamente, siccome non è ancora arrivato nulla, non abbiamo potuto decidere dove ma andrebbero sicuramente a coprire gli interventi straordinari, dove c’è sempre bisogno".

Ma il futuro della questione è ancora molto incerto: "Se lo Stato non provvederà a darci i fondi – continua il sindaco - i Comuni potrebbero procedere ad un decreto ingiuntivo: spero non si arrivi a tanto perché aver fatto causa è già un passo importante visto che lo Stato, con il Governo, è un ente pubblico come lo siamo noi".

"È tempo e ora di restituirli – conclude il primo cittadino marenese – la tenacia di queste 44 amministrazioni ha fatto sì che questo potrà essere possibile. Speriamo che il contributo arrivi subito e non diluito magari in 10 anni, perché non ce ne accorgiamo nemmeno".

(Fonte: Thomas Zanchettin © Qdpnews.it).
(Foto: archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it

0
0
0
s2smodern

// Storie di Sport