Sirti Mareno, il cantiere si ferma per 3 ore dopo l'annuncio degli esuberi, e venerdì si replica

Si sono consumate oggi alla Sirti di Mareno le prime tre ore di sciopero delle quattro annunciate i giorni scorsi dalle Rsu aziendali e dai sindacati dei metalmeccanici della Marca. L’ultima ora di sciopero è prevista per venerdì 22 febbraio a fine turno. Inoltre, nel corso dell’assemblea dei lavoratori, che ha avuto luogo sempre questa mattina nello stabilimento di Mareno di Piave, si è deciso unanimemente anche per il blocco degli straordinari.

Divampa la protesta dei dipendenti della Sirti - ditta leader in Italia nel settore delle istallazioni e manutenzioni di reti telefoniche e ponti radio - dopo l’annuncio di 883 esuberi sui 4mila lavoratori in tutto il territorio nazionale, un taglio in Triveneto di circa un quinto della forza lavoro. 

“Massiccia la partecipazione all’assemblea e l’adesione allo sciopero di tre ore di questa mattina, con un presidio che ha visto protestare ai cancelli della Sirti più di un centinaio di dipendenti – ha detto Claudia Gava della Fiom Cgil di Treviso –. Alla mobilitazione hanno infatti preso parte oltre a operai e impiegati anche i lavoratori somministrati, diversi in scadenza di contratto. L’annuncio della volontà di aprire la procedura di licenziamento collettivo è arrivata come una doccia fredda, perché il lavoro, in particolare in questo territorio, non manca. Una decisione inaccettabile che ci ha portato all’immediata mobilitazione dei lavoratori e alla richiesta di un tavolo di confronto al Ministero dello Sviluppo Economico per ricevere chiarimenti e risposte. Non staremo fermi – conclude Claudia Gava – siamo pronti a continuare sulla strada della protesta”. Venerdì un’altra ora di sciopero.

(Fonte: Fiom Cgil Treviso).
(Foto: Fiom Cgil Treviso).
#Qdpnews.it

 

0
0
0
s2smodern

// Storie di Sport