Il capogruppo di "Godega c'è" Mauro Fantuz dopo il secondo consiglio comunale: "La maggioranza scricchiola"

Pubblichiamo di seguito alcune considerazioni di Mauro Fantuz (nella foto), capogruppo del gruppo consiliare "Godega C'è", dopo il secondo consiglio comunale dell'amministrazione del sindaco Guzzo.

 

Giovedì 27 luglio ha avuto luogo il secondo consiglio comunale dell'era Guzzo. Ricordiamo come durante la campagna elettorale il nuovo sindaco abbia sostenuto che solo la sua lista fosse solida e coerente, che la questione caserma fosse definitivamente conclusa e che le opere pubbliche fossero sempre state realizzate con il massimo della competenza e professionalità.

 

Detto questo, il consiglio comunale di ieri sera ha potuto aver luogo solo grazie alla serietà e senso civico del nostro gruppo di minoranza: con tre consiglieri di maggioranza assenti, mancava infatti il numero legale per dare l'avvio ai lavori. Contrariamente alle propagandate coesione e solidità del gruppo, con il punto n° 1 dell'ordine del giorno, abbiamo assistito al primo avvicendamento nella maggioranza: singolare che ad un mese dal voto vi sia già un consigliere dimissionario (oltretutto assente alla seduta di insediamento del sindaco Guzzo).

 

Come abbiamo sempre sostenuto, la questione caserma dei Carabinieri non è finita: nell'avanzo di amministrazione ci sono 350.000 euro che lo stesso sindaco ha ammesso essere vincolati, in via prudenziale, per i prossimi gradi di giudizio che riguardano il contenzioso con la prima ditta esecutrice dei lavori. Questa prudenza ci fa pensare che le rassicurazioni fornite ai cittadini un mese e mezzo fa non fossero poi così certe e fondate.

 

I lavori di realizzazione della pista ciclabile di Bibano continuano a far rumore: siamo stati chiamati a votare l'acquisizione di ulteriori aree da privati per rimediare a lacune progettuali. Ci auguriamo di non assistere ad ulteriori varianti in corso d'opera. Con gli strumenti progettuali in dotazione al giorno d'oggi troviamo sconcertante che certe semplici valutazioni non siano state eseguite già in sede di progetto esecutivo e definitivo.

 

Le criticità erano evidenti anche ad un non addetto ai lavori! Le varianti hanno un loro costo. Chi paga? La fretta di promuovere l'inizio dei lavori in campagna elettorale ha compromesso sin dall’inizio la buona realizzazione dell’opera. Saremo vigili per il secondo stralcio che prevede la rettifica della curva Cimitan.

 

Mauro Fantuz

Capogruppo del Gruppo Consigliare Godega c'è

0
0
0
s2smodern