Tempo di elezioni amministrative anche a Godega Sant'Urbano. Il sindaco uscente Bonet: lascio la mia eredità a Paola Guzzo

C'è anche Godega Sant'Urbano tra i Comuni chiamati al voto domenica 11 giugno 2017. Alessandro Bonet (nelle foto),  sindaco uscente, non può più ricandidarsi perché sta concludendo il secondo mandato consecutivo.

In questi dieci anni (2007-2017) sono state compiute, diverse opere pubbliche, circa cinquanta. Infatti, sono state realizzate diverse piste ciclabili lungo tutto il territorio comunale, come quelle in via Chiesa, via Risorgimento, via Baver, via Salvatoronda, è stata migliorata l’illuminazione introducendo quella a led in molte strade, come via Roma (SS13 Pontebbana), via Palù, via Cordignano e via Bibano di Sopra.

Ѐ stata data molta importanza alla sicurezza, prova ne è la realizzazione della caserma dei Carabinieri. “Abbiamo lavorato fianco a fianco con la squadra per migliorare la qualità della vita nel nostro Comune - afferma Bonet - talvolta scommettendo su progetti che alcune persone consideravano, dal loro punto di vista, impossibili, ma infine la collaborazione, la dedizione e l’impegno hanno ripagato gli sforzi fatti".

Strano, ma vero, nel 2007, a Godega Sant’Urbano, paese natio di Luca Zaia, promotore del progetto-rotonde in provincia di Treviso prima e in Regione Veneto poi, non vi era nessuna rotatoria. L’amministrazione Bonet ha realizzato una rotonda tra via Perosa e via Molinara ed una a Bibano.

Godega Alessandro Bonet
L’amministrazione ha prestato attenzione anche alla valorizzazione e promozione del territorio, infatti, in tal senso sono stati realizzati i lavori di restauro nell’ex oratorio di Sant’Urbano a Pianzano, è stato intitolato il piazzale ad Oriana Fallaci, è stata migliorata piazza Pozzo della Regola, è stato realizzato il sagrato della chiesetta Madonna della Salute e sono stati realizzati alcuni punti di sosta in via Liberazione a Salvarotonda.


Diverse sono le manifestazioni introdotte o che durante questi anni si sono ampliate e hanno ottenuto sempre più importanza come "Godega Fumetti" e "Carnevale di Marca". È stata potenziata e fatta riscoprire, attraverso la "Fiera dell’asino", l’antica fiera di Godega, gioiello prezioso del paese. Come è stata posta attenzione anche al mondo della formazione e dell’istruzione, con corsi di inglese, l’evento "Pozzo di storie" e sono continuati gli incontri di storia locale che, nel 2016, sono giunti alla 19esima edizione.

Attenzione è stata data all’ambiente: sono stati installati impianti fotovoltaici sia sul tetto della palestra delle scuole medie, sia sulle stesse scuole medie, ed è stato sistemato il verde presente sul territorio comunale come nel caso delle aiuole in via Marconi. Complessivamente sono stati chiesti contributi, ad organi superiori, per circa 3 milioni e 500 mila durante i due mandati Bonet.

"L’amministrazione ha sviluppato questi anni con principi chiari e solidi fin da subito adoperandosi per l’amore per il paese con un occhio di attenzione anche alla concretezza ed all’attenzione per i suoi concittadini - conclude Alessandro Bonet - Sono l’unico sindaco che è riuscito a realizzare, fino ad oggi, due mandati in municipio a Godega Sant'Urbano. Vorrei lasciare le redini di questo Comune a Paola Guzzo che, grazie all’esperienza maturata in questi anni, saprà gestire Godega Sant’Urbano in continuità con il lavoro realizzato fino ad oggi".

(Fonte: Michele Francescon © Qdpnews.it).
(Foto: archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it

0
0
0
s2smodern