Antica Fiera di Godega, questa mattina con "Asinobus" nelle scuole è iniziata la settimana dell’asino

Gli alunni delle scuole primarie di Godega, questa mattina, sono andati a scuola con l’asino. Ad accompagnarli nel tragitto casa-scuola i quadrupedi Gisella, Romina, Giustina, Ginevra, Gradisca e Gigi assieme agli asinari Eugenia e Massimo Montanari.

È questo un appuntamento che i bambini godeghesi aspettano tutto l’anno. Molti di loro sono infatti cresciuti con gli asini di "Asinomondo", la mostra internazionale dell’asino dell’Antica Fiera di Godega, che li “hanno portati” dalla prima alla quinta elementare.

Godega Asinobus 2017 B


Da oggi fino all’inaugurazione della manifestazione, che si terrà sabato 4 marzo, tutte le mattine sarà in funzione "Asinobus" ed anche "Asinurser" per i bimbi più piccoli dei centri infanzia del paese. Con l'occasione, questa mattina si è tenuta la consegna degli elaborati del concorso letterario-artistico per le scuole “L’asino d’oro”. I sei baby-scrittori e baby-artisti vincitori saranno premiati domenica 6 marzo.

Da domenica 26 febbraio, invece, aprirà i battenti in fiera il "Villaggio asinino", aperto alle scolaresche e alle famiglie, con tante novità per l’edizione 2017. Quest’anno, ad esempio, verrà proposto un percorso educativo sull’alimentazione dell’asino dove i bambini e i ragazzi potranno preparare il pasto e dare da mangiare agli asinelli.

"Godega è davvero la capitale dell’asino – afferma il sindaco di Godega, Alessandro Bonet – Tutte le novità educational  legate al mondo dell’asino vengono sperimentate qui a Godega e poi, nel corso dell’anno, vengono portate nel resto d’Italia. Il volto felice dei bimbi, e anche di alcuni genitori, questa mattina sono stati il miglior ringraziamento per chi ha lavorato e la testimonianza di come la Mostra internazionale dell’asino sia diventata una manifestazione di tutta la nostra comunità".

Godega Asinobus 2017 A


Godega davvero fa scuola. Asino-taxi, ad esempio, lanciato proprio all’Antica Fiera di Godega tre anni fa, è diventato a Reggio Emilia un percorso di vita cittadino a dorso d’asino; gli asini sono stati cioè integrati nel tessuto urbano e il capoluogo emiliano è diventata “città asinabile”.

"Oggi serve, più che mai, re-introdurre un ritmo lento nelle nostre frenetiche vite e nelle nostre relazioni, un ritmo a misura d’uomo, a passo d’asino, per ritrovare l’essenza delle cose e di sé stessi – spiega l’asinaro più famoso d’Italia, Massimo Montanari, curatore di Asinomondo e autore di diversi libri per bambini - Chi viene in visita all’Antica Fiera di Godega ha, ogni anno, questa straordinaria possibilità: assaporare la vita da una prospettiva diversa, più lenta, più profonda, più empatica...".

(Fonte e foto: Antica Fiera di Godega).
#Qdpnews.it

0
0
0
s2sdefault

// Storie di Sport