Affidata la nuova gestione del Rifugio Vittorio Veneto sul Pizzoc, la Kairos Srl si aggiudica la gara

E’ stato assegnato il 28 febbraio dal comune di Fregona, a seguito dell’avviso di selezione del 28 gennaio scorso, l’affidamento della gestione in concessione del Rifugio Città di Vittorio Veneto: sarà la società Kairos Srl di Godega, con sede in via Don Brozzi, formata da tre soci di cui l’amministratore delegato Alessandro Favaretto è di Vittorio Veneto, a prendere in mano le redini del rifugio, chiuso da poco prima di fine anno.

Al termine della presentazione erano pervenute solo due offerte, i precedenti gestori di Sarmede non si sono presentati per l’eventuale rinnovo della gestione. L’importo a base di gara era di 60 mila euro per 6 anni: la Kairos ha offerto un aumento percentuale del 25 per cento sulla base dell’affitto, esclusi gli adeguamenti Istat e Iva dal secondo anno . La seconda società che si era presentata, la C.M. Snc di Carlo Gatto e C di Preganziol, si era fermata al 10,50 per cento di rialzo.
Sulla scorta delle offerte presentate il responsabile del procedimento di gara ha aggiudicato per ora in via provvisoria alla Kairos (ditta creata appositamente lo scorso 20 febbraio, pare per partecipare al bando) l’affitto-concessione del rifugio Città di Vittorio Veneto, in attesa ovviamente delle verifiche sulla veridicità delle dichiarazioni presentate in sede di gara dalla ditta aggiudicataria.

La struttura del rifugio è formata da 2 sale ristorante, servizi e una cucina al piano terra; al primo piano dispone di 2 camere doppie con bagno privato, tre camere a 7 letti senza bagno e 4 bagni. Al secondo piano tre locali soffitta comunicanti. L’edificio verrà consegnato secondo capitolato privo di arredamento e attrezzature che dovranno essere acquistate e installate a spese dell’affittuario.
La durata dell’affitto sarà di sei anni a partire dalla stagione estiva 2019 e fino al 31 dicembre 2024.

La struttura, secondo il contratto, dovrà essere tenuta aperta nel periodo estivo almeno per cinque mesi, dal 1. Maggio di ogni anno. Dal 1. Dicembre al 30 marzo dovrà rimanere chiusa per la potenziale impraticabilità della strada d’accesso, ma dall’8 dicembre al 9 gennaio l’amministrazione comunale potrà deliberare con la giunta e su richiesta dell’affittuario il rilascio di autorizzazione al transito, valutate le condizioni climatiche.

(Fonte: Fulvio Fioretti © Qdpnews.it).
(Foto: vacanzeincamper.net)
#Qdpnews.it

0
0
0
s2smodern

// Storie di Sport