Fregona, rifugio Città di Vittorio Veneto: a giorni il nuovo bando, ma l'ex gestore forse non si ripresenta

Scaduto a luglio il bando e dopo una proroga tecnica concessa giusto per tenere aperto durante il periodo estivo, e non interrompere un servizio per il numeroso flusso turistico, il Comune di Fregona sta preparando in questi giorni il nuovo bando per la gestione del Rifugio Città di Vittorio Veneto, di proprietà comunale.

"L’idea è di arrivare nei primi mesi dell’anno ad avere una risposta e una gestione, per iniziare dall’avvio della buona stagione e non come la scorsa volta a metà stagione, per via di alcuni lavori che dovevano essere ancora conclusi – spiega il sindaco Laura Buso - La passata gestione lo teneva aperto anche nei mesi invernali o nelle giornate particolari, impegnandosi tra l’altro a tenere pulita la strada dalla neve. Ma in genere l’apertura va da marzo ad ottobre".

L’attuale gestore di Montaner, o meglio quello appena scaduto, Siro Alban, titolare del panificio in paese, forse non si ripresenta, ma è possibile che l’interesse che suscita e la suggestione del Rifugio che dal Pizzoc spazia lo sguardo su tutta la pianura trevigiana facciano in modo che ci siano altre proposte. "Ancora non lo so – dice il sindaco – ma ci sono state diverse manifestazioni di interesse. Poi come spesso capita passare dal virtuale al reale ce ne passa. Jordan e Tiffany comunque da tempo ci avevano chiesto la possibilità di rinnovare ma essendo una struttura pubblica la via corretta è sempre quella del bando accessibile a chi ha le caratteristiche e i requisiti di idoneità. Ora non so se vorranno continuare. Ma vedremo".

Adesso il Rifugio, che comunque nei mesi estivi e invernali rappresenta un punto di riferimento per escursionisti e appassionati di montagna rimane chiuso: "Noi avevamo puntato molto sulla qualità, all’inizio non è stato facile – commenta Siro Alban - ma poi il cambio di direzione ha pagato, le gente ha apprezzato. Non è come un ristorante, ma tenevamo aperto fino al 6 gennaio, rispetto alle gestioni precedenti da marzo a settembre. Vedremo le nuove linee guida del bando e ci penseremo. Noi siamo rimasti soddisfatti e abbiamo avuto riscontro dalla gente, che prima era abituata ad un rifugio più spartano. Ma con la cucina diversa, puntando su carne di Angus con pane, pasta e dolci fatti sul posto, il flusso era costante".

(Fonte: Fulvio Fioretti © Qdpnews.it).
(Foto: Facebook).
#Qdpnews.it

0
0
0
s2sdefault

// Storie di Sport