Una grande coalizione per sfidare Mario Collet, nel vivo i "giochi" all'ombra dell'Abbazia

Da giorni nel borgo di Follina non si parla d’altro. La gente ne discute nei bar, al mercato del giovedì e nelle piazze. La campagna elettorale per le amministrative 2019 è finalmente entrata nel vivo e spunta una “grande coalizione” in chiave anti Collet.

La ri-candidatura per un secondo mandato dell’attuale sindaco Mario Collet (nella foto) ha portato infatti ad un dialogo trasversale con lo  scopo si formare una lista competitiva che possa giocarsela, con il massimo di possibilità di riuscita, nella corsa all’ambita poltrona di sindaco di Follina.

Protagonisti di questo dialogo sarebbero le componenti storiche del centrosinistra follinese incarnate dall’ex sindaco Renzo Tonin e dal capogruppo consiliare di minoranza Diego Dall’Antonia, che alle ultime elezioni si erano presentate con due liste distinte con l’aggiunta di una terza componente, e qui sta la grossa sorpresa, la Lega Nord.

Era stata proprio la divisione dei due storici alleati cinque anni fa a far vincere Mario Collet, che per soli 7 voti di scarto su Diego Dall’Antonia si era ritrovato sindaco. Secondo i ben informati, le trattative sarebbero ben avviate, anche se il vicesindaco dell’attuale maggioranza e segretario della Lega Nord follinese Adriano Da Broi si sarebbe chiamato fuori.

Per quanto riguarda Renzo Tonin, darebbe il suo appoggio senza entrare nella lista. Tanta carne al fuoco anche se manca il tassello più importante; il nome chiamato a guidare la grande coalizione per lanciare la sfida a Mario Collet. A breve, questione di giorni, potrebbe essere uficializzato.

(Fonte: Giancarlo De Luca © Qdpnews.it).
(Foto: Archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it

0
0
0
s2sdefault

// Storie di Sport